Make your own free website on Tripod.com
 

 
 
daf9 Nazir - Mi SheamarSota - Hamkane
9a HAMKANE CAPITOLO PRIMO SOTA

 
È permesso copiare e divulgare la presente pagina a condizione che a capo e a piè pagina sia riportata la scritta da "Chavruta" di Rav Mordechai Goldstein

 
Daf successivo Daf precedente Torna a Daf Yomi
La Ghemara cita una Baraita concernente il nostro argomento:
Una Baraita insegna:
REBBI SOLEVA DIRE:
DA DOVE IMPARIAMO CHE SECONDO IL METRO CON CUI UN UOMO
MISURA - SECONDO QUELLO PER LUI SI MISURA?
PERCHÈ È DETTO:
(Isaia 27, 8)
NELLA MISURA
CHE BUTTI TU CONTENDERAI
NON HO ALTRO CHE UNA SEA,
DA DOVE IMPARO AD INCLUDERE UN TIRKAV cioè tre-kav
E UN MEZZO TIRKAV,
UN KAV  E UN MEZZO KAV,
UN QUARTO, UN OTTAVO,
UN SEDICESIMO E UN TRENTADUESIMO DI UN KAV DA DOVE LO IMPARO?
LA TORA INSEGNA:
(ISAIA 27, 8)
PERCHÈ TUTTO L'ARMAMENTO DELL'ARMATO
NEL TUMULTO.
E DA DOVE IMPARO CHE OGNI PERUTA
SI ASSOMMA
IN UN GRAN CONTO?
LA TORA INSEGNA:
(Ecclesiaste 7, 27)
UNA A UNA
FINCHÈ TROVI UN CONTO.
E LO STESSO TROVAMMO NELLA SOTA,
CHE SECONDO IL METRO CON CUI LEI MISURÒ
PER LEI MISURARONO
LEI STETTE
SULLA SOGLIA DELLA SUA CASA
PER FARSI VEDERE DA LUI,
PERCIÒ IL KOHEN LA FA STARE
ALLA PORTA DI NIKANOR
E MOSTRA LA SUA DISGRAZIA A TUTTI
LEI SI ADDOBBÒ PER LUI
DI BEI DRAPPI
SUL CAPO,
PERCIÒ IL KOHEN
LE TOGLIE IL COPRICAPO
DALLA TESTA
E GLIELO METTE SOTTO I PIEDI,
LEI SI ADORNÒ PER LUI IL VOLTO,
PERCIÒ
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

sota daf 9a
LA SUA FACCIA DIVENTA VERDE.
LEI SI TRUCCÒ GLI OCCHI,
PERCIÒ GLI OCCHI LE DIVENTANO SPORGENTI.
LEI SI ACCONCIÒ PER LUI
LA CHIOMA,
PERCIÒ IL KOHEN LE SCIOGLIE
LA CHIOMA.
 

LEI GLI FECE SEGNO
COL DITO,
PERCIÒ LE SUE UNGHIE
CADONO.

LEI SI CINSE I FIANCHI PER LUI
CON UNA CINTURA,
PERCIÒ IL KOHEN PORTA
UNA FUNE EGIZIA
E LA LEGA
AL DI SOPRA DEI SENI.
 

LEI PORSE A LUI
LE COSCIE,
PERCIÒ LE SUE COSCIE AVVIZZISCONO,

LEI LO ACCOLSE 
SUL SUO VENTRE,
PERCIÒ IL SUO VENTRE SI GONFIA.

LEI LO NUTRÌ 
CON LE SQUISITEZZE DI QUESTO MONDO,
PERCIÒ LA SUA OFFERTA
É IL CIBO DEGLI ANIMALI.

LEI GLI DIEDE DA BERE
VINO PREGIATO
IN BICCHIERI DI QUALITÀ,
PERCIÒ IL KOHEN LA FA BERE
LE ACQUE AMARE
IN UN COCCIO.
 

LEI FECE DI NASCOSTO,
(Salmi 91, 1)
E COLUI CHE RISIEDE NEL NASCONDIMENTO DI UN LUOGO ELEVATO
RIVOLSE SU DI LEI IL SUO VOLTO,
COME É DETTO:
(Giobbe 24, 15)
E L'OCCHIO DELL'ADULTERO
ATTENDE L'ALBA
E DICE:
OCCHIO NON MI VEDRÀ ecc.
 
 

ALTRO INSEGNAMENTO:
LEI FECE DI NASCOSTO,
L'ONNIPRESENTE LO DIVULGÒ
PUBBLICAMENTE, COME É DETTO:
(Proverbi 26, 26)
SI COPRIRÀ L'ODIO NELL'OMBRA
SI SCOPRIRÀ LA SUA MALVAGITÀ DI FRONTE ALLA CONGREGAZIONE.
(ecc.)
 

 

Ghemara 9a1
La Ghemara  chiede:
Dal momento che trasse tale insegnamento che anche il più piccolo peccato viene punito,
da questo versetto (Salmi 7, 27)
Una a una
finchè trovi un conto,
il versetto (Isaia 9, 4)
Perchè tutto l'armamento dell'armato
nel tumulto, a cosa mi serve?
La Ghemara  risponde:
Per insegnarci il contrappasso cioè che il peccato è punito anche secondo la sua qualità.
La Ghemara  chiede:
Dal momento che trasse tale insegnamento del contrappasso,
da questo versetto Perchè tutto l'armamento dell'armato
nel tumulto,
il versetto (Isaia 27, 8)
Nella misura che butti tu contenderai, a cosa mi serve?
La Ghemara  risponde:
Per insegnarci quel che disse R'Chinnena bar Pappa,
perchè disse R'Chinnena bar Pappa:
Il Santo Benedetto Egli sia non 
salda il conto con una nazione,
fino al momento della sua cacciata,
come è detto:
Nella misura che butti ecc.
La Ghemara  obietta:
Ma davvero? Ma non disse Rava:
I tre calici
nominati a proposito dell'Egitto, a proposito di che ?
Uno quello che bevve ai tempi di Moshe,
uno che bevve
ai tempi del faraone Necho,
e uno che è destinato a bere
con i suoi alleati!
La Ghemara  prende in esame una possibile risposta per tosto respingerla con una Baraita:
E se tu dicessi, che quelli gli Egizi originari 
si estinsero e quelli che ci sono ora al loro posto sono altri popoli,
non è forse scritto in una Baraita:
DISSE R' YEHUDA:
MINYAMIN, UN PROSELITA EGIZIO
ERA MIO CONDISCEPOLO
TRA GLI STUDENTI DI R' AKIVA,
DISSE MINYAMIN, PROSELITA EGIZIO:
IO SONO UN EGIZIO DELLA PRIMA GENERAZIONE
ED HO SPOSATO
UN'EGIZIA DELLA PRIMA GENERAZIONE,
DARÒ IN SPOSA A MIO FIGLIO
UN'EGIZIA DELLA SECONDA GENERAZIONE,
IN MODO CHE IL FIGLIO DI MIO FIGLIO
POSSA ENTRARE NELLA CONGREGAZIONE.
La Ghemara  propone una diversa lezione per l'insegnamento di R'Chinnena:
Piuttosto se fu detto
fu detto così:
Disse R'Chinnena bar Pappa:
Il Santo Benedetto Egli sia non 
salda il conto con un re
fino al momento della sua dipartita,
come è detto: Nella misura
che butti tu contenderai ecc.
La Ghemara  riporta un'altra applicazione dell'insegnamento di R'Chinnena:
Ameimar applicava
quanto insegnato da R'Chinnena
bar Pappa al seguente argomento,
perchè è scritto:
(Malchia 3, 6)
Perchè Io, il Signore, non cambiai
e voi, figli di Giacobbe,
non foste sterminati?
Perchè Io, il Signore, non cambiai -
vuol dire non colpii una nazione
e poi lo ripetei una seconda volta, il termine ebraico per "cambiare" vuol anche dire "ripetere".
e voi, figli di Giacobbe,
non foste sterminati -
si rifersce a quanto è scritto:
(Deuteronomio 32, 23)
I miei dardi finirò su di loro,
vuol dire i miei dardi finiscono ma essi non finiscono.
 
 
 
 
 
 

La Ghemara  riporta un'insegnamento simile:
Disse R'Hamnuna:
Il Santo Benedetto Egli sia non 
salda il conto con un uomo
fino a quando non si sia riempita la sua misura di trasgressioni,
come è detto: (Giobbe 20, 22)
Al momento del riempirsi della sua dotazione
sarà nell'affilizione ecc.
La Ghemara  riporta un altro insegnamento simile:
Spiegò R'Chinnena bar Pappa,
perchè è scritto:
(Salmi 33, 1)
Esultate o giusti nel Signore
ai retti si addice la lode?
Non leggere si addice la lode
ma è una dimora la lode, la parola ebraica "si addice" se perde una alef diventa "una dimora" lasciando la pronuncia quasi invariata,
questi sono Moshe e David
sulle cui azioni per la costruzione del Santuario
non prevalsero i loro odiatori.
Nel caso di David - come è scritto:
(Echa 2, 9)
Le sue soglie son piantate nella terra,
Nel caso di Moshe - perchè un autore disse:
Quando fu costruito il primo Tempio,
fu messo via il Tabernacolo,
le sue travi, i suoi uncini e le sue barre,
le sue colonne e i suoi basamenti. Dove?
Disse R'Chisda
in nome di Avimi:
Sotto le cripte del Santuario.

Ghemara 9a2
La Ghemara cita una Baraita: 
Rabbanan insegnarono:
LA SOTA MISE GLI OCCHI
SU CIÒ CHE NON ERA PER LEI,
QUEL CHE CERCAVA
NON LE FU DATO,
QUEL CHE POSSEDEVA
LE TOLSERO,

INFATTI CHI METTE GLI OCCHI
SU CIÒ CHE NON È SUO,
QUEL CHE CERCAVA
NON GLI DANNO,
E QUEL CHE POSSEDEVA
GLI PRENDONO VIA.

sota daf 9b

E COSÌ TROVIAMO PRESSO IL SERPENTE
ORIGINARIO,
CHE MISE GLI OCCHI
SU CIÒ CHE NON ERA PER LUI,
QUEL CHE CERCAVA
NON GLI DETTERO,
QUEL CHE POSSEDEVA
GLI TOLSERO.
 
 

DISSE
IL SANTO BENEDETTO EGLI SIA:
IO DISSI:
CHE EGLI REGNI
SU TUTTI GLI ANIMALI E LE BESTIE,
ED ORA
(Genesi 3, 14)
SIA EGLI MALEDETTO
TRA TUTTI GLI ANIMALI
E TUTTE LE BESTIE DEI CAMPI
 
 

IO DISSI:
CAMMINI IN POSIZIONE ERETTA,
ORA SUL SUO VENTRE VADA

IO DISSI:
SIA IL SUO CIBO
CIBO PER UOMINI,
ORA DI POLVERE SI CIBI

LUI DISSE: UCCIDERÒ
ADAM
E SPOSERÒ CHAVA,
ORA ODIO PORRÒ
TRA TE E LA DONNA
E TRA LA TUA PROGENIE E TRA LA PROGENIEDI LEI.
 

E LO STESSO TROVIAMO
PRESSO CAINO, KORACH,
BIL'AM, DOEG,
ACHITOFEL, GHECHAZI,
AVSHALOM, ADONIAHU,
UZIAHU E AMAN
I QUALI MISERO GLI OCCHI SU CIÒ
CHE NON ERA PER LORO,
QUEL CHE CERCAVANO
NON FU LORO DATO,
QUEL CHE POSSEDEVANO
TOLSERO LORO.
 

Ghemara 9a3
La Ghemara riporta un passo della nostra Mishna:
CON LA COSCIA COMINCIÒ
IL PECCATO ecc.
La Ghemara si domanda:
Da dove impariamo questa cosa?
Se dicessi perchè è scritto:
(Numeri 5, 21)
Quando il Signore farà sì che la tua coscia
sia cadente e il tuo ventre si gonfi,
Potresti ribattere eppure è anche scritto:
(Numeri 5, 27)
E si gonfierà il suo ventre
e sarà cadente la sua coscia - ! - in cui l'ordine è inverso.
La Ghemara risponde:
Disse Abbaye: Quando il Kohen pronunzia la maledizione
- maledisce per prima la coscia
e successivamente è il ventre che maledisce,
ma l'acqua quando compie la verifica
- verifica nell'ordine consueto -
il ventre all'inizio e poi la coscia.
La Ghemara obietta:
Anche nei riguardi della maledizione è scritto:
(Numeri 5, 22)
Per far gonfiare il ventre
e per render cadente la coscia - ! -
La Ghemara risponde:
Questo quando il Kohen la informa
allora le dice che il ventre viene colpito all'inizio
e successivamente la coscia, in modo che non ne esca discredito sulle acque amare.
Ghemara 9a4
Mishna: Sansone andò
dietro ai suoi occhi,
perciò i Filistei gli strapparono
gli occhi, come è detto:
(Giudici 16, 21)
E lo catturarono i Filistei
e gli strapparono gli occhi.

Assalonne si vantava della sua chioma,
perciò restò appeso per la chioma
e siccome andò
con le dieci concubine di suo padre,
perciò furono in lui conficcate
dieci lance, come è detto:
(Samuele II 18, 15)
E lo circondarono dieci uomini
recanti le armi di Ioav,
e siccome perpetrò tre furti,
il cuore di suo padre e il cuore del tribunale
e il cuore di Israel, (come è detto: 
(Samuele II 15, 6) E rubò
Assalonne il cuore
degli uomini di Israel),
perciò furono conficcate in lui
tre frecce, come è detto:
(Samuele II 18, 14) 
E prese . . .
tre frecce nella sua mano
e le conficcò nel cuore di Assalonne.
 

E lo stesso è per quanto concerne il bene,
Miriam stette in attesa per Moshe
un'ora, come è detto:
(Esodo 2, 4)
E si appostò sua sorella da lontano,
perciò si trattennero per lei
Israel sette giorni
nel deserto, come è detto:
(Numeri 12, 15)
E il popolo non partì
finchè non venne raccolta Miriam.

Yosef meritò 
di seppellire suo padre
e non vi è fra i fratelli uno più grande di lui,
come è detto:
(Genesi 50, 7)
E salì Iosef per seppellire
suo padre . . . e salirono con lui
anche carri e anche cavalieri,
chi abbiamo più grande di Iosef
del quale non si occupò
altri che Moshe.

Moshe meritò di portare le ossa di Yosef
e non vi è in Israel uno più grande di lui,
perchè è detto: (Esodo 13, 19)
E Moshe prese
le ossa di Yosef con sè.
Chi è più grande di Moshe
del quale non si occupò
altri che l'Onnipresente, perchè è detto:
(Deuteronomio 34, 6)
E lo seppellì nella valle.
Non solo di Moshe lo dissero,
ma di tutti i giusti,
perchè è detto: (Isaia 58, 8)
La tua giustizia incederà a te dinnanzi
la gloria del Signore ti raccoglierà.
 

 

MishnaSo9b
La Ghemara riporta una Baraita concernente gli argomenti trattati:
Rabbanan insegnarono:
SANSONE TRADÌ CON I SUOI OCCHI,
PERCHÈ È DETTO:
(Giudici 14, 3)
DISSE SANSONE
A SUO PADRE: "PRENDIMI QUELLA
PERCHÈ LEI È QUELLA CHE VA BENE AI MIEI OCCHI",
PERCIÒ I FILISTEI GLI CAVARONO 
GLI OCCHI, COME È DETTO:
(Giudici 16, 21)
E LO PRESERO I FILISTEI
E GLI CAVARONO GLI OCCHI.
La Ghemara fa notare:
Davvero? Eppure è scritto:
(Giudici 14, 4)
E suo padre e sua madre non lo sapevano
perchè dal Signore era la cosa - ? - Egli aveva l'ordine divino di punire i Filistei!
La Ghemara risponde:
Quando andò, tuttavia,
andò dietro al suo senso estetico e non per via del comando divino.
La Ghemara riporta una Baraita concernente gli argomenti trattati:
È detto in una Baraita:
REBBI DICE:
L'INIZIO DELLA SUA CORRUZIONE FU AD 'AZA,
PERCIÒ FU COLPITO AD 'AZA.
"L'INIZIO DELLA SUA CORRUZIONE FU AD 'AZA"
COME È SCRITTO:
(Giudici 16, 1)
SANSONE SE NE ANDÒ 
AD 'AZA E LÀ VIDE
UNA MERETRICE ecc.
"PERCIÒ FU COLPITO AD 'AZA"
COME È SCRITTO:
(Giudici 16, 21)
E LO PORTARONO GIÙ AD 'AZA ecc.
 

La Ghemara obietta:
Eppure è anche scritto:
(Giudici 14, 1)
E Sansone scese verso Timna - ? -
La Ghemara spiega:
L'inizio della sua corruzione, tuttavia,
fu ad 'Aza
Giudici 16, 4)
Ed avvenne in seguito che egli amò una donna
al fiume Shorek ed il suo nome era Dlila.
La Ghemara riporta una Baraita concernente gli argomenti trattati:
È detto in una Baraita:
REBBI DICE:
SE ANCHE  NON FOSSE
CHE IL SUO NOME ERA DLILA,
LEI ERA DEGNA
DI ESSERE CHIAMATA DLILA,
DILUÌ LA SUA FORZA,
INDEBOLÌ IL SUO CUORE,
DIMINUÌ LE SUE GESTA.
"DILUÌ LA SUA FORZA"
COME È SCRITTO:
(Giudici 16, 19)
E TOLSE DA LUI LA SUA FORZA
"INDEBOLÌ IL SUO CUORE"
COME È SCRITTO:
(Giudici 16, 18)
E DLILA CAPÌ
CHE LE AVEVA RIVELATO
TUTTO IL SUO CUORE
"DIMINUÌ LE SUE GESTA"
PERCHÈ SI DILEGUÒ
DA LUI LA DIVINA PRESENZA
COME È SCRITTO:
(Giudici 16, 20)
E LUI NON SAPEVA
CHE IL SIGNORE SI ERA DILEGUATO DA LUI.
La Ghemara si chiede:
Dice il versetto precedentemente citato: E Dlila capì che le aveva rivelato
tutto il suo cuore - Da dove lo sapeva?
La Ghemara spiega:
Disse R'Chanin in nome di Rav:
Ci si accorge quando le cose son vere.
Disse Abbaye:
Lei conosceva bene quel giusto
che non pronunciava 
il divino nome invano,
siccome disse:
(Giudici 16, 17)
Sono un nazir del Signore, lei disse:
Ora certo
disse il vero.
 
 

La Ghemara si chiede:
Dice il versetto (Giudici 16, 16): 
Ed avvenne che lo tormetava
con le sue parole tutto il tempo
e premeva su di lui.
Cosa vuol dire "e premeva su di lui"?
La Ghemara spiega:
Disse R'Yitzchak
dell'Accademia di R'Ami:
Al momento finale dell'amplesso
gli sgusciava via da sotto.
La Ghemara si chiede:
Dice il versetto (Giudici 13, 4): 
Ed ora guardati bene
di non bere vino o bevanda inebriante
e di non mangiare ogni cosa tame.
Cosa vuol dire "ogni cosa tame"?
E inoltre, fino ad ora
aveva forse mangiato cose tame?
La Ghemara spiega:
Disse R'Yitzchak
dell'Accademia di R'Ami:
Cose proibite ad un nazir.
La Ghemara si chiede:
Dice il versetto (Giudici 15, 19): 
E Iddio fendè
l'incavo della mandibola.
La Ghemara spiega:
Disse R'Yitzchak dell'Accademia di R'Ami:
Lui desiderò una cosa tame, perciò la sua vita fu tolta con una cosa tame.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

La Ghemara si chiede:
Dice il versetto (Giudici 13, 25): 
E cominciò lo spirito del Signore ecc.
Disse R'Chama bar Chanina:
Si avverò la profezia 
di Giacobbe nostro padre,
perchè è scritto:
(Genesi 49, 17)
Sia Dan un serpente sulla via.
Continua il versetto (Giudici 13, 25): 
a risuonare nel campo di Dan.
Disse R'Yitzchak 
dell'Accademia di R'Ami:
Insegna, che la presenza divina
andava suonado dinnanzi a lui come una campana,
infatti è scritto qui:
a risuonare nel campo di Dan,
ed è scritto là:
(Esodo 28, 34)
Campanello e melograno.
La Ghemara si chiede:
Dice il versetto (Giudici 13, 25): Tra Tzir'a e tra Eshtaol.
Disse R'Assi:
Tzir'a e Eshtaol 
erano due grandi monti,
e Sansone li sradicò
e li macinò uno con l'altro.
La Ghemara si chiede:
Dice il versetto (Giudici 13, 22): Ed egli cominciò a salvare Israel.
Disse R'Chama berabi Chanina:

 

Ghemara 9b6
Daf successivo Daf precedente Torna a Daf Yomi
È permesso copiare e divulgare la presente pagina a condizione che a capo e a piè pagina sia riportata la scritta da "Chavruta" di Rav Mordechai Goldstein