Make your own free website on Tripod.com
 
 
 
 
Glossario

 
È permesso copiare e divulgare la presente pagina a condizione che a capo pagina sia riportata la scritta da "Chavruta" di Rav Mordechai Goldstein

 
 
Torna a Daf Yomi
avel, avelut

avel, avelut

persona in lutto. Avelut è lo stato di lutto in cui si trova il singolo o la comunità.
onaa

onaa

errore o frode. Si riferisce ad un errore o ad una frode nel prezzo di qualcosa che fu pagato troppo o troppo poco rispetto al valore di mercato. Se il divario tra il prezzo pagato e quello di mercato è di un sesto o più, l'autore della frode deve risarcire la parte defraudata dell'intera differenza. Se tale divario supera il sesto, la parte defraudata ha diritto ad annullare del tutto la transazione.
onen

onen

persona nel primo giorno di lutto per uno stretto parente. 
ailonit

ailonit

una donna adulta che non sviluppò le prerogative della maturità femminile. Si ritiene pertanto che non sia in grado di generare.

imurim

le parti dei sacrifici che vengono bruciate sull'altare - i reni, il diaframma e la coda.
Amma, ammot

amma, ammot

cubito. Una misura di lunghezza eguale a sei tefachim. Le opinioni circa il suo equivalente in centimetri variano tra i 45cm ai 57,25cm.
Amora, Amoraim

amora, amoraim

così venne chiamato, al tempo dei Tannaim, il "dicitore" in aramaico della Mishna, insegnata dal Tanna in ebraico. Divenne l'appellativo degli studiosi del Talmud, che appunto commentarono in aramaico la Mishna, dando vita al Talmud.
ones, anus

ones, anùs

causa di forza maggiore, costrizione. Anùs è colui che è costretto da causa di forza maggiore. Onasim sono le costrizioni, le cause di forza maggiore.
asmachta

asmachta

lett. punto d'appoggio. a) una condizione posta da uno che non prevede veramente di doverla rispettare; b) un versetto citato dalla Ghemara non come base scritturale per un dindeoraita ma piuttosto cone un'allusione ad un din derabbanan.

arba'at 
hashomrim

i quattro custodi di cui parla la Tora. Quando uno affida (mafkid) un oggetto in custodia (pikadon) vi sono quattro tipi di rapporto di custodia: 
lo shomer chinam - il custode gratuito, che non può far uso del pikadon, e deve rispondere solo dei danni causati dalla propria negligenza.
lo shomer sachar - il custode pagato, che non può far uso del pikadon, e deve rispondere dei danni causati dalla propria negligenza e da smarrimento o furto.
il socher - che ha preso a nolo l'oggetto e la sua respondabilità è uguale allo shomer sachar.
lo shoel - che ha preso in prestito l'oggetto e deve rispondere dei danni causati dalla propria negligenza, da smarrimento o furto e da ogni altro incidente esclusi quelli avvenuti nelle normali condizioni di lavoro.
erusin, arusa

erusin, arusa
fidanzamento, prima fase del matrimonio, che si completa con una seconda fase detta nissuin. Per fidanzarsi con la donna, l'uomo le consegna, alla presenza di testimoni, un oggetto di valore (kiddushin, nell'ambito dello Yibbum, tale atto viene chiamato maamar). A questo punto la coppia non può ancora avere rapporti coniugali, tuttavia è considerata legalmente sposata da molti punti di vista e la donna ha bisogno di un divorzio prima di potersi risposare. Cfr. kiddushin.
asham

asham

sacrificio di colpa. Sacrificio portato per espiare un peccato specifico per cui tale sacrificio è stato comandato. Fa anche parte di certe offerte di purificazione. È classificato nei Kodshe Kodashim. Si parla di asham talui non caso vi sia un dubbio sulla trasgressione commessa.
bava, bavot

bava, bavot

lett. porta. Indica un paragrafo di un discorso, una parte di un'opera. Famose le tre parti dell'Ordine Talmudico di Nezikim: Bava Kamma, Bava Metzya, Bava Batra (prima, mediana, e rispettivamente ultima parte o porta dell'Ordine di Nezikim).
bagrut, bogheret

bagrut, bogheret

il momento in cui la fanciulla diviene una donna adulta, una bogheret, raggiungendo lo stato legale finale del proprio sviluppo fisico. Una fanciulla diviene automaticamente bogheret sei mesi dopo che divenne naara(dodici anni e un giorno).
bediavad

bedi'avad

a cose fatte. Espressione usata per qualcosa che è stato fatto non osservando tutte le regole. Può, secondo i casi, essere valido o no. Usato in contrapposizione a lechatchila.
bo'el, be'ula

bo'el, be'ula

dell'uomo che possiede sessualmente una donna (bo'el) e della donna che viene posseduta sessualmente da un uomo (be'ula). L'atto stesso del possedere sessualmente una donna è detto be'ila.
bia

bia

lett. venuta. Termine che indica il rapporto sessuale. Si parla a volte di bia pesula riferendosi ad un rapporto sessuale che dequalifica una persona, per esempio la figlia di Kohen che attraverso una bia pesula cessa di poter consumare la teruma.
bet din, bate dinim

bet din, 
bate dinim

tribunale rabbinico costituito da tre dayanim (giudici)
bechor

bechor

a) il primogenito maschio; b) il primogenito maschio kasher di un animale. Tale animale nasce con una particolare santità, e deve essere dato a un Kohen che lo offre (quando privo di difetti) come korban bechor nel Tempio e ne mangia la carne. A differenza di altri korbanot il bechor è automaticamente sacro dalla nascita senza bisogno di alcuna dedicazione.
binyan av (ma matzinu)

binyan av
(ma matzinu)

prototipo (ma matzinu quel che trovammo in questo, troviamo anche in quello). Il terzo dei tredici criteri ermeneutici della Tora elencati nella Baraita di Rabbi Yishmael. Rabbanan stabilirono delle analogie tra argomenti trattati in varie parti della Tora. Una volta stabilita tale analogia diviene possibile applicare le regole enunciate dalla Tora nella trattazione di un argomento al secondo e viceversa.
baraita

baraita

i responsi dei Tannaim che non furono inclusi da Rabbi Yehuda Hanassi nella Mishna. R'Chyia e R'Oshaya, discepoli di Rabbi Yehuda Hanassi (Rebbi), cercarono e redassero le Baraitot e ne compilarono un'autorevole collezione, basata sull'insegnamento di Rebbi.
Torna a Daf Yomi