Make your own free website on Tripod.com
 

 
 
daf 20 Nedarim - Vellu Mutarin
20a VEELLU MUTARIN CAPITOLO SECONDO NEDARIM

 
È permesso copiare e divulgare la presente pagina a condizione che a capo e a piè pagina sia riportata la scritta da "Chavruta" di Rav Mordechai Goldstein

 
Daf successivo Daf precedente Torna a Daf Yomi

 
Mishna. Fece un nederusando l'espressione cherem
e poi disse: Non ho fatto neder
se non sul cherem di mare, che è un tipo di rete per pescare,
fece un neder usando l'espressione korban
e poi disse: Non ho fatto neder
se non sui korbanot 
dei re, che si portano ai re per propiziarseli,
fece un neder dicendo: Ecco me stesso come un korban
e poi disse: Non ho fatto neder
se non sull'osso che mi sono preparato
per far neder su di esso, in ebraico "me stesso" e "il mio osso" sono la stessa parola,
fece un neder dicendo: Konamche mia moglia tragga piacere da me,
e poi disse: Non ho fatto neder
se non sulla mia prima moglie
che ho divorziato,
su tutti questi nedarim
non si deve far domanda di scioglimento per essi perchè non hanno alcun valore,
ma se fecero domanda di scioglimento dimostrandosi così degli ignoranti,
li si punisce per aver trasgredito a tali nedarim, nonostante che non avessero valore,
e si procede nei loro riguardi in maniera stringente, sciogliendoli con difficoltà,
parole di R'Meyr,
ma i Chachamim dicono:
Si apre loro una scappatoia
da un altro posto per sciogliere il loro neder senza tener conto delle loro spiegazioni,
e li si ammonisce
in modo che non si comportino
con leggerezza con i nedarim.
Mishna 20a
Ghemara. La Ghemara si chiede:
Ma questa Mishna è in sè stessa difficile, si contraddice al suo interno,
all'inizio hai detto: NON SI DEVE FAR DOMANDA DI SCIOGLIMENTO PER ESSI,
e poi hai insegnato nella Mishna:
MA SE FECERO DOMANDA DI SCIOGLIMENTO
LI SI PUNISCE
E SI PROCEDE NEI LORO RIGUARDI IN MANIERA STRINGENTE!
La Ghemara chiarisce l'intendimento della Mishna:
Disse R'Yehuda:
È così che la Mishna intende insegnare:
E tutti
non hanno bisogno di domanda di scioglimento,
di cosa stiamo parlando?
di uno studioso della Tora,
ma l'ignorante
che viene a far domanda di scioglimento
lo si punisce per aver trasgredito a tali nedarim, nonostante che non avessero valore,
e si procede nei suoi riguardi in maniera stringente.
La Ghemara chiede:
È comprensibile che si proceda in maniera stringente,
infatti non gli sciogliamo il neder
in considerazione del pentimento, ma gli troviamo una vera e propria scappatoia,
ma quanto a "lo si punisce", come sarebbe a dire?
La Ghemara spiega:
Come insegna una Baraita:
COLUI CHE FECE NEDER DI NAZIR
E TRASGREDÌ ALLA SUA NEZIRUT
NON CI OCCUPIAMO DI LUI per scioglierlo dalla nezirut
FINO A CHE NON NE ABBIA RISPETTATO
LE PROIBIZIONI
PER TANTI GIORNI QUANTI QUELLI IN CUI SI COMPORTÒ
COME SE tutto FOSSE PERMESSO,
PAROLE DI R'YEHUDA,
DISSE R'YOSE:
A CHE SI RIFERISCONO QUESTE PAROLE?
AD UN CASO DI NEZIRUT MINIMALE, di soli trenta giorni,
MA IN UN CASO DI NEZIRUT ESTESA
GLI BASTANO TRENTA GIORNI, anche nel caso in cui trasgredì per un periodo più lungo.
La Ghemara riporta un responso su un Bet Din che si affretti a sciogliere nedarim di ignoranti:
Disse R'Yosef:
Siccome Rabbanan dissero:
Non ci occupiamo di lui,
un Bet Din che se ne sia occupato
non ha agito correttamente.
R'Acha bar Ya'akov dice:
Si mettono al bando i membri di un Bet Din che abbia agito così.

La Ghemara riporta un altro brano della nostra Mishna:
MA I CHACHAMIM DICONO:
SI APRE LORO UNA SCAPPATOIA ecc.
La Ghemara riporta una Baraita che ribadisce l'importanza di evitare nedarim e altri pericoli:
È detto in una Baraita:
GIAMMAI SII
SOLITO FARE NEDARIM,
PERCHÈ ALLA FINE VIOLERAI
I GIURAMENTI,

E NON FREQUENTARE
L'INGNORANTE
PERCHÈ ALLA FINE
TI DARÀ DA MANGIARE TEVEL

E NON FREQUENTARE
IL KOHEN IGNORANTE
PERCHÈ ALLA FINE
TI DARÀ DA MANGIARE TERUMA

E NON ABBONDARE NEL COLLOQUIO
CON LA DONNA,
PERCHÈ ALLA FINE ARRIVERAI
ALL'ADULTERIO.

R'ACHA
IL FIGLIO DI YASHIA
DICE:
CHI STA A RIMIRARE LE DONNE
ALLA FINE ARRIVA
ALLA TRASGRESSIONE,

E CHI GUARDA
IL CALCAGNO DELLA DONNA
AVRÀ FIGLI
PRIVI DI BUONE QUALITÀ MORALI.
La Ghemara aggiunge:
Disse R'Yosef:
Compresa sua moglie quando è nidda.
La Ghemara aggiunge ancora:
Disse R'Shimon ben Lakish:
"Il calcagno" ci cui parla la Mishna,
è il punto della sozzura,
che si trova orientato
di contro al calcagno.
La Ghemara riporta un'altra Baraita sull'argomento della pudicizia:
Insegna una Baraita:
(Esodo 20, 17)
PERCHÈ SIA IL SUO TIMORE
SUI VOSTRI VOLTI
QUESTA È LA VERGOGNA,
I
N MODO CHE NON PECCHERETE
INSEGNA CHE LA VERGOGNA
PORTA AL
TIMORE DEL PECCATO

DA CUI DISSERO:
BEL SEGNO È NELL'UOMO
QUANDO È UNO CHE SI VERGOGNA.

ALTRI DICONO:
OGNI UOMO CHE SI VERGOGNA
NON RAPIDAMENTE
PECCA,
E CHI NON È CAPACE
DI PROVAR VERGOGNA
SI SA
CHE I SUOI ANTENATI NON SI TROVARONO
SUL MONTE SINAI.
 

DISSE R'YOCHANAN
BEN DEAVAI,
SU QUATTRO COSE
SI INTRATTENERONO CON ME
GLI ANGELI ADDETTI AL DIVINO SERVIZIO:

DI ZOPPI
PERCHÈ CE NE SONO?
PERCHÈ VOLTANO
I LORO TAVOLI, eufemismo per rapporto contro natura.

DI MUTI
PERCHÈ CE NE SONO?
PERCHÈ BACIANO
QUEL POSTO.

DI SORDI
PERCHÈ CE NE SONO?
PERCHÈ DISCORRONO
AL MOMENTO DELL'ACCOPPIAMENTO.

DI CIECHI
PERCHÈ CE NE SONO?
PERCHÈ GUARDANO
QUEL POSTO.

La Ghemara riporta un'altra Baraita che contraddice quanto affermato dalla Baraita ora citata:
Ed indicarono una contraddizione tra quella Baraita e questa:
DOMANDARONO
A IMA SHALOM
PERCHÈ
nedarim daf 20b
I TUOI FIGLI SONO COSÌ BELLI?

DISSE LORO:
NON DISCORRE CON ME
NON ALL'INIZIO DELLA NOTTE
E NON ALLA FINE DELLA NOTTE
MA A MEZZANOTTE,
E QUANDO DISCORRE
SCOPRE UN TEFACH
E UN TEFACH LASCIA COPERTO,
E GLI SEMBRA
DI ESSERE UNO
CHE UNO SPIRITO COSTRINGE

ED IO GLI DISSI:
PER QUALE RAGIONE?

E LUI MI DISSE:
AFFINCHÈ IO NON ABBIA A METTERE
I MIEI OCCHI
SU UN'ALTRA DONNA,
E I MIEI FIGLI
SI AVVICININO ALLA MAMZERUT.
Ad ogni modo la Baraita dice che il marito di Ima Shalom parlava con lei durante l'amplesso!
La Ghemara risponde:
Non è difficile mettere d'accordo le due Baraitot:
Questa nella Baraita di Ima Shalom il marito parlava di cose riguardanti l'amlesso,
questa nella Baraita precedente il marito parlava di altre cose.
La Ghemara riporta la halacha nei riguardi dell'amplesso:
Disse R'Yochanan:
Queste sono le parole di Yochanan ben Dehavai,
ma i Chachamim dissero:
L'halacha non è 
secondo Yochanan ben Dehavai,
invece tutto quello che un uomo
vuol fare con sua moglie
fa.
È come con la carne
che viene dalla macelleria,
se vuole mangiarla col sale
la mangia col sale, arrosta
la mangia arrosta, cotta in pentola
la mangia cotta in pentola, in salamoia
la mangia in salamoia
e lo stesso vale per il pesce che viene dalla pescheria.
La Ghemara chiede:
Disse Amemar:
Chi sono gli angeli addetti al servizio divino di cui parlò Yochanan ben Dehavai?
Certo si tratta di Rabbanan, perchè se dirai
gli angeli addetti al servizio divino veri e propri,
come mai R'Yochanan disse:
L'halachanon è 
secondo Yochanan ben Dehavai?
Yochanan ben Devai riferiva le parole degli angeli ed essi infatti sono esperti
sulla formazione dell'embrione di più! Certamente per tali angeli egli intendeva i Chachamim.
E perchè li chiamarono 
angeli addetti al servizio divino?
Perchè i Chachamim sono insegni come gli angeli addetti al servizio divino.
La Ghemara riporta un episodio:
Avvenne che una donna si presentò
dinnanzi a Rebbi,
gli disse:
Rabbi, gli preparati il tavolo
e lui lo ha voltato, eufemismo per rapporto contro natura.
Le disse:
Figlia mia, la Tora ti ha resa permessa,
e io cosa posso farti?
La Ghemara riporta un secondo episodio:
Avvenne che una donna si presentò
dinnanzi a Rav,
gli disse:
Rabbi, gli preparati il tavolo
e lui lo ha voltato.
Disse:
Che differenza c'è con il pesce? Come il pesce che gli prepari lo mangia come vuole, anche l'amore lo fa come vuole.
La Ghemara riporta un altro insegnamento riguardante l'amplesso:
(Esodo 15, 39)
E non vi volterete dietro ai vostri cuori
da qui disse Rebbi:
Un'uomo non beva da questo bicchiere
e posi gli occhi su un altro bicchiere, cioè non faccia all'amore con una pensando ad un'altra.
La Ghemara fa notare:
Disse Ravina:
Non serve che ad insegnare
che persino quando ha due mogli non faccia all'amore con una pensando ad un'altra.
La Ghemara riporta un altro insegnamento riguardante l'amplesso:
(Ezechiele 20, 38)
ED ELIMINERÒ DI MEZZO A VOI
I RIBELLI
E COLORO CHE COMMETTONO DELITTI CONTRO DI ME
DISSE R'LEVI:
SON QUESTI I FIGLI
DELLE NOVE QUALITÀ,
I FIGLI DI ASNA"T
MASHGA"CH:
I FIGLI DELLA PAURA,
I FIGLI DELLA VIOLENTATA,
I FIGLI DELL'ODIATA,
I FIGLI DELLA BANDITA,
I FIGLI DELLA SCAMBIATA,
I FIGLI DELLA LITE,
I FIGLI DELL'UBRIACHEZZA,
I FIGLI DELLA DONNA CHE HA DECISO DI DIVORZIARE,
I FIGLI DELLA MESCOLANZA,
I FIGLI DELLA SFACCIATA.
La Ghemara chiede a proposito dei "figli della sfacciata":
Davvero?
Eppure disse R'Shmuel
bar Nachmani
in nome di R'Yochanan:
Ogni uomo 
che sua moglie invita all'amplesso
avrà figli
che persino nella generazione 
di Moshe Rabbenu
non ve ne furono di simili,
infatti è detto: (Deuteronomio 1, 13)
procuratevi degli uomini
sapienti e intelligenti
e succissivamente è scritto: (Deuteronomio 1, 15)
e prenderò
i capi delle vostre tribù
e non è scritto intelligenti,
ed è scritto:
(Genesi 49m 14)
Issachar un asino causò
ed è scritto:
(Cronache 1- 12, 32)
Dai figli di Issachar gente saggia
che sapeva che cosa dovesse fare Israele in ogni circostanza
Da cui si vede che da Issachar uscì gente saggia perchè Lea invitò Giacobbe nella sua tenda, e la sua impudenza fu premiata.
La Ghemara spiega:
R'Yochanan parla di colei che si adopera per ingraziarsi il marito con parole o atteggiamenti invitanti, come Lea che disse a Giacobbe: Vieni da me. Tuttavia colei che gli chiede espressamente di accoppiarsi con lei, viene chiamata sfacciata.

Ghemara 20ab

 
Hadran 'Alecha Veelu Mutarin
TORNEREMO DA TE VEELLU MUTARIN



 
 
daf 20b Nedarim - Arba'a Nedarim
20b ARB'A NEDARIM CAPITOLO TERZO NEDARIM

 
Mishna. Quattro tipi di nedarim
i Chachamim sciolsero:
nedarim fatti per stimolare,
nedarim esagerati,
nedarim per errore,
nedarim forzati.
nedarim fatti per stimolare, come sarebbe a dire?
Stava vendendo un oggetto,
e disse: Konam
che non te lo faccio
per meno di un sela', quattro dinar,
e l'altro dice:
Konam
che non ti dò
più di uno shekel, due dinar.
Mishna 20b
Daf successivo Daf precedente Torna a Daf Yomi
È permesso copiare e divulgare la presente pagina a condizione che a capo e a piè pagina sia riportata la scritta da "Chavruta" di Rav Mordechai Goldstein