Make your own free website on Tripod.com
 

 
Ketubbot - Almana Nizonet - 97
97a LA VEDOVA SI NUTRE CAPITOLO UNDICESIMO KETUBBOT

 
È permesso copiare e divulgare la presente pagina a condizione che a capo e a piè pagina sia riportata la scritta da "Chavruta" di Rav Mordechai Goldstein

 
Daf successivo Daf precedente Torna a Daf Yomi

 
. . . . . .
Mishna  Una vedova
sia dopo gli erusin
che dopo i nissuin
può vendere dai beni del marito senza andare alBet Din,
R'Shimon dice:
Dopo i nissuin
può vendere senza andare al Bet Din,
dopo gli erusin
non venda
che al Bet Din,
perchè non le spettano gli alimenti,
e tutte le donne a cui non le spettano gli alimenti
non vendano dai beni del marito
senza andare al Bet Din.
Mishna 97a
. . . . . .
97b
. . . . . .
Mishna Vendette la propria ketubba
o parte di essa,
diede in pegno la propria ketubba
o parte di essa,
donò la propria ketubba ad un altro
o parte di essa,
non venda dai beni del marito per incassare ciò che rimane
se non al Bet Din
e i Chachamim dicono:
Può vendere parti dei beni del marito persino
quattro o cinque volte,
e può vendere dai beni del marito per gli alimenti
senza andare al Bet Din
e scrive nell'atto di vendita: "Ho venduto per gli alimenti"
ma la divorziata non venda
se non al Bet Din.
Mishna 97b
Ghemara La Ghemara chiede: 
Secondo la shita di chi è la resha della Mishna?
La Ghemara risponde:
È secondo la shita di R'Shimon da quanto impariamo in una Baraita:
VENDETTE LA PROPRIA KETUBBA,
DIEDE IN PEGNO LA PROPRIA KETUBBA,
DIEDE LA PROPRIA KETUBBA
IN UNA GARANZIA PER UN ALTRO,
NON LE SPETTANO PIÙ GLI ALIMENTI,
PAROLE DI R'MEYR.
R'SHIMON DICE:
ANCHE SE
NON VENDETTE
E NON IMPEGNÒ
TUTTA LA PROPRIA KETUBBA
MA SOLO LA SUA METÀ
HA GIÀ PERSO I PROPRI ALIMENTI.
La Ghemara chiede:
Sarebbe a dire
che R'Shimon riteneva:
Non diciamo parte della somma di denaro
è come tutta la somma di denaro,
e Rabbanan ritenevano:
Diciamo parte della somma di denaro
è come tutta la somma di denaro.
La Ghemara obietta:
Ma noi li sentiamo dire il contrario
come è insegnato in una Baraita:
(Levitico 21) E LUI UNA DONNA CON IL SUO IMENE
ESCLUDE LA BOGHERET
IN CUI È PRESSOCHÈ SCOMPARSO L'IMENE,
PAROLE DI R'MEYR,
R'ELAZAR
E R'SHIMON
RITENGONO LA BOGHERET KESHERA PER IL KOHEN GADOL.
La Ghemara risponde:
Là, in quella Baraita, divergono su l'interpretazione dei versetti:
R'Meyr era dell'opinione:
Il termine "vergine" indica persino con imene parziale,
il termine "il suo imene" indica la presenza
dell'imene completo,
il termine "con il suo imene" indica
che se fu posseduta a modo suo, si che è pesula per il Kohen Gadol,
ma se fu posseduta non a modo suo, no.
R'Elazar e R'Shimon
erano dell'opinione:
Il termine "vergine" indica perfetta,
il termine "il suo imene" indica 
persino con imene parziale,
Daf 98a
il termine "con il suo imene" indica
che sussistano tutte le sue verginità,
sia a modo suo
che non a modo suo.
Quindi risulta che la Baraita citata non riguarda il problema: "diciamo parte della somma di denaro è come tutta la somma di denaro".
Ghemara 97b
Daf successivo Daf precedente Torna a Daf Yomi
È permesso copiare e divulgare la presente pagina a condizione che a capo e a piè pagina sia riportata la scritta da "Chavruta" di Rav Mordechai Goldstein