Make your own free website on Tripod.com
 

 
Ketubbot - Metziat Haisha - 67
67a METZIAT HAISHA CAPITOLO SESTO KETUBBOT

 
È permesso copiare e divulgare la presente pagina a condizione che a capo e a piè pagina sia riportata la scritta da "Chavruta" di Rav Mordechai Goldstein

 
Daf successivo Daf precedente Torna a Daf Yomi

 
. . . . . .
Mishna

 

Colui che fa sposare la figlia così, senza specificare quanto le darà in dote, non le dia meno di cinquanta zuz. Se suo padre dichiarò di farla entrare sotto la chuppa nuda e cruda, che non le pagherà nemmeno i vestiti, e il marito è consenziente, che il marito tuttavia non dica: "Quando la farò entrare in casa mia, allora la ricoprirò con vestiti di tasca mia, ma non prima.", la deve invece rivestire di abiti decorosi quando ancora lei si trova nella casa paterna. E così pure l'incaricato alla beneficenza che fa sposare l'orfana,  non le dia in dote meno di cinquanta zuz. E se c'è denaro nella cassa, bisogna rifornirla diuna dote in accordo con la sua condizione. Mishna 67
Ghemara La Ghemara precisa:
Disse Abbaye: Cinquanta zuz semplici e non di quelli pesanti, che ognuno vale otto semplici. E da dove lo impariamo? Da quello che è insegnato nella Mishna nella sefa a proposito dell'incaricato della beneficenza che fa sposare l'orfana: E SE C'È NELLA CASSA BISOGNA RIFORNIRLA IN ACCORDO CON LA SUACONDIZIONE. E si domandarono: Cosa è mai questa cassa di cui parla la Mishna? Disse Rachava: È il portafoglio della beneficenza. E se volessimo pensare che la Mishna quando parla di cinquanta zuz intende cinquanta zuz sul serio, di quelli pesanti, che equivalgono a quattrocento semplici, quando la Mishna dice: SE C'È NELLA CASSA,  quanto dovremmo darle? È difficile pensare che dalla cassa della beneficenza si possa ricavare una dote maggiore di quattrocento zuz! Invece impara da ciò che la Mishna quando parla di cinquanta zuz intende cinquanta zuz semplici.
La Ghemara si diffonde a parlare dell'argomento della beneficenza:
Rabbanan insegnarono in una Baraita: nel caso in cui UN ORFANO E UN'ORFANA CHE SI PRESENTARONO agli incaricati della beneficenza PER FARSI MANTENERE, SI DEVE ACCORDARE UN MANTENIMENTO per prima ALL'ORFANA, E POI SI ACCORDA UN MANTENIMENTOALL'ORFANO, PERCHÈ È CARATTERISTICO DELL'UOMO PASSARE DI PORTA IN PORTA per raccogliere l'elemosina MENTRE NON È CARATTERISTICO DELLA DONNA PASSAREdi porta in porta per raccogliere l'elemosina perchè la sua vergogna è maggiore. 
Continua la Baraita:
UN ORFANO E UN'ORFANA 
67b
CHE VENNERO dagli incaricati della beneficenza per essere aiutati A SPOSARSI, SI FA SPOSARE primaL'ORFANA, E DOPO SI FA SPOSARE L'ORFANO, PERCHÈ LA VERGOGNA NELLADONNA È MAGGIORE CHE NELL'UOMO.
Daf successivo Daf precedente Torna a Daf Yomi
È permesso copiare e divulgare la presente pagina a condizione che a capo e a piè pagina sia riportata la scritta da "Chavruta" di Rav Mordechai Goldstein