Make your own free website on Tripod.com
 

 
 
daf 42 Nedarim - En Ben Hamudar
42a EN BEN HAMUDDAR CAPITOLO QUARTO NEDARIM

 
È permesso copiare e divulgare la presente pagina a condizione che a capo e a piè pagina sia riportata la scritta da "Chavruta" di Rav Mordechai Goldstein

 
Daf successivo Daf precedente Torna a Daf Yomi
nedarim 42a
Mishna. 
Il muddar hanaha
dal suo compagno
prima del settimo anno
non entra nel suo campo del maddir
e non mangia neppure le frutta che sporgono dal campo del maddir sulla strada,
ma nel settimo anno,
anche se non entra nel suo campo, del maddir,
tuttavia può egli il muddar mangiare
dalle piante che sporgono dal campo del maddir sulla strada.
Se ha proibito a lui per neder il cibo e tutto ciò che porta ed esso ma non altri tipi di vantaggi,
prima del settimo anno
può entrare nel suo campo, del maddir,
e non può mangiare delle frutta,
ma nel settimo anno,
può entrare nel suo campo del maddir perchè non si tratta di un vantaggio che porta al mangiare,
e può mangiare le frutta che sono abbandonate nel settimo anno.
Mishna 42a
Ghemara. La Ghemara riporta una machloketAmoraim sull'argomento trattato nella Mishna:
Rav e Shmuel 
entrambi dissero:
Colui che disse al compagno quei beni siano a te proibiti per neder
se ciò avvenne prima del settimo anno
egli il muddar non può entrare nel suo campo, del maddir,
e non può mangiare dalle piante che sporgono dal campo del maddir sulla strada,
e ciò nonostante 
che sia sopraggiunto il settimo anno, siccome la proibizione era in vigore da prima,
e se fece il neder nel settimo anno
non può entrare nel suo campo,
ma può mangiare dalle piante che sporgono.
 

E R'Yochanan e Resh Lakish 
entrambi dissero:
Colui che disse al compagno i miei beni siano a te proibiti per neder
se ciò avvenne prima del settimo anno
egli il muddar non può entrare nel suo campo, del maddir,
e non può mangiare dalle piante che sporgono,
e se sopraggiunge il settimo anno
non può entrare nel suo campo,
ma può mangiare 
dalle piante che sporgono,
La Ghemara chiarisce i termini della machloket:
Diciamo che su questo punto differiscono le loro opinioni,
che Rav e Shmuel son dell'opinione:
Uno può proibire 
una cosa che è in suo possesso
e tale proibizione persisterà persino quando la cosa uscirà dal suo possesso,
 

E R'Yochanan e Resh Lakish 
son dell'opinione: Uno non può proibire 
una cosa che è in suo possesso
in maniera che tale proibizione persista persino quando la cosa uscirà dal suo possesso.

La Ghemara dissente da tale impostazione della machloket:
È questa mai una spiegazione?
forse che esiste uno (che tu dicesti essere R'Yochanan e Resh Lakish) che sia dell'opinione
che uno non può proibire 
una cosa che è in suo possesso
persino quando uscirà dal suo possesso?
Se così è,
dovrebbero discordare nel caso in cui disse: "quei beni"
e tanto più nel caso in cui disse:"i miei beni",
e inoltre,
ma la Mishna insegna che uno può proibire
una cosa che è in suo possesso
persino quando uscirà dal suo possesso,
perchè la Mishna insegna (Baba Kamma 108b):

CHI DICE A SUO FIGLIO
KONAM CHE TU TRAGGA VANTAGGIO DA ME,
se MUORE, LO EREDITA,
ma se al momento del neder disse: IN VITA SUA E IN MORTE SUA
nedarim daf 42b
SE MUORE NON LO EREDITA.
La Ghemara respinge la dimostrazione a partire da Baba Kamma: Qui è diverso perchè gli disse espressamente "in vita sua e in morte sua" ma quando disse: "Quei beni su di te" può darsi che non intendesse proibirli che per tutto il tempo che fossero in suo possesso.
La Ghemara fa notare:
Anche se la seconda difficoltà, quella da Baba Kamma, è caduta ad ogni modo resta difficile, resta in piedi la prima difficoltà, invece diciamo nel caso in cui disse: "quei beni"
non vi è chi discordi che sono proibiti per sempre anche quando escono dal suo possesso,
dove sì discordano è nel caso in cui disse:"i miei beni",
Rav e Shmuel sono  dell'opinione:
Non fa differenza "quei beni"
non fa differenza "i beni di colui che proibisce",
R'Yochanan e Resh Lakish sono dell'opinione:
Se dice: "Beni" uno li proibisce anche quando escono dal suo possesso
Se dice: "I miei beni" uno non li proibisce se non finchè sono in suo possesso.

La Ghemara obietta anche a questa soluzione:
Forse che esiste uno (che tu dicesti essere Rav e Shmuel) che sia dell'opinione:
Non fa differenza "quei beni"
non fa differenza "i miei beni "?
Ma è insegnato nella Mishna (più avanti a daf 46a)
COLUI CHE DICE AL SUO COMPAGNO
KONAM NELLA TUA CASA
CHE IO VI ENTRI,
IL TUO CAMPO CHE IO LO PRENDA,
MUORE O LO VENDE A UN ALTRO
È PERMESSO,
IN QUESTA CASA CHE IO VI ENTRI,
QUESTO CAMPO CHE IO LO PRENDA,
MUORE O LO VENDE A UN ALTRO
È PROIBITO.
La Ghemara conclude:
Piuttosto, quando dissero
R'Yochanan e Resh Lakish che i beni sono permessi quando escono dal suo possesso non lo dissero se non nel caso in cui disse: "I miei beni",
e Rav e Shmuel non dissero che i beni sono proibiti anche quando escono dal suo possesso se non nel caso in cui disse: "Quei beni",
e non erano di discordanti opinioni solo che stavano trattando casi diversi.
La Ghemara porta un altro passo della nostra Mishna:
MA NEL SETTIMO ANNO,
NON ENTRA NEL SUO CAMPO tuttavia può egli mangiare dalle piante che sporgono.
La Ghemara obietta:
Che differenza c'è nel dindelle frutta 
che può mangiare le frutta che sporgono perchè ci troviamo nel settimo anno,
anche la terra nel settimo anno è abbandonata e ciascuno può entrarvi per mangiare le frutta!?

La Ghemara spiega:
Disse Ulla: 
La nostra Mishna dice che è proibito al muddar entrare nel campo del maddir nel caso in cui gli alberi si trovano sui confini del campo ed è possibile coglierli senza entrarvi.
La Ghemara presenta un'altra spiegazione:
R'Shimon ben Eliakim 
disse: La nostra Mishna parla di un decreto rabbinico per cui Rabbanan proibirono al muddar di entrare nel campo del maddir affinchè non sosti in piedi in mezzo al campo più del tempo necessario a raccogliere la frutta, violando con ciò il neder che gli vieta di metter piede nel campo.

Ghemara 42ab
Mishna. Il muddar hanaha
dal suo compagno non gli dia in prestito un animale o degli attrezzi
e non gli chieda in prestito cose simili;
non gli dia in prestito danaro e non ne prenda in prestito da lui;
non gli venda
e non compri da lui.
Mishna 42b
Daf successivo Daf precedente Torna a Daf Yomi
È permesso copiare e divulgare la presente pagina a condizione che a capo e a piè pagina sia riportata la scritta da "Chavruta" di Rav Mordechai Goldstein