Make your own free website on Tripod.com

TA'ANIT 3

È permesso copiare e divulgare la presente pagina a condizione che a capo pagina sia riportata la scritta: da "Chavruta" di Rav Mordechai Goldstein
3a

La Ghemara continua a domandare:
Ma se R'Akiva pensava come R'Yehuda ben Betera, che dica come lui, che si comincia a ricordare Ghevurot Hagheshamim dal secondo giorno di Sukkot?
La Ghemara risponde:
R'Akiva ragionava così: Quando è scritta una libagione supplementare, essa è scritta nel sesto giorno di Sukkot. L'insegnamento di R'Yehuda ben Betera serve solo per identificare nella libagione supplementare una libagione d'acqua.
La Ghemara cita un'altra fonte scritturale per la libagione d'acqua:
Fu insegnato in una Baraita: R'NATAN DICE: C'è un versetto che dice: SUL SANTO [ALTARE] VERSA UNA LIBAGIONE DI BEVANDA INEBRIANTE PER HASHEM. Dall'espressione doppia "hasech nesech" deduciamo che IL VERSETTO PARLA DI DUE LIBAGIONI: una , la libagione di acqua, e una , la libagione di vino.
La Ghemara domanda:
Ma uno potrebbe dire che sono entrambe di vino. Da dove R'Natan sa che una è di acqua?
La Ghemara risponde:
Se così fosse, che entrambe le libagioni sono vino, che sia scritto nel versetto: o "hasech", "hesech", entrambi con "he", o "nasech", "nesech", entrambi con "nun". Cosa significa "hasech nesech"? Impara da ciò una di acqua e una di vino.
Una Mishna viene citata e confrontata con le varie opinioni emerse circa quando si inzi a ricordare le Ghevurot Hagheshamim nella preghiera:
Ma ciò che imparammo in una Mishna: LA LIBAGIONE DI ACQUA si fa per TUTTI I SETTE giorni di Sukkot, di chi segue l'opinione? Se segue R'Yehoshua, che sostirene che si inizi a menzionare la pioggia da Shemini 'Azeret, dovrebbe essere detto che la libagione dell'acqua si fa per un solo giorno [l'ottavo], se segue R'Akiva,due giorni [il sesto e il settimo], se segue R'Yehuda ben Betera, sei giorni [dal secondo al settimo].
La Ghemara cerca di metter d'accordo la Mishna con R'Yehuda ben Betera:
Veramente, è R'Yehuda ben Betera l'autore della Mishna, e la sua opinione concorda con quella di R'Yehuda nella Mishna che segue: Perchè imparammo in una Mishna: R'YEHUDA DICE: CON un recipiente di UN LOG EGLI [IL COHEN] VERSAVA LA LIBAGIONE di acqua PER TUTTI GLI OTTO giorni della Festa, cioè la libagione dell'acqua continuava fino a Shemini 'Azeret. Ora, a differenza di R'Yehuda della Mishna, [R'Yehuda ben Betera] esclude il primo giorno di Sukkot, tuttavia, come R'Yehuda della Mishna, include l'ottavo. Ciò si avvicina molto all'ordinamento della Mishna citata.
La Ghemara respinge questa idea:
Perchè il primo giorno non si fa la libagione? Perchè quando si allude all'acqua è nel secondo giorno che vi si allude (la prima "mem" in più). Lo stesso è per l'ottavo, , Perchè quando si allude all'acqua è nel settimo che vi si allude (la seconda "mem" in più).Quindi per R'Yehuda ben Betera la libagione dell'acqua non può protrarsi più di sei giorni.
La Ghemara giunge ad una conclusione circa l'autore della Mishna:
Piuttosto è R'Yehoshua, che pur ritenendo che le Ghevurot Hagheshamim si iniziano a ricordare con Shemini 'Azeret, ritiene che la libagione dell'acqua si fa per tutti i sette giorni essendo ciò una halacha ricevuta per tradizione dal Sinai.
La Ghemara prova l'esistenza di tale tradizione:
Perchè R'Ami disse in nome di Rav Yochanan, che disse in nome di R'Nechunya, un residente della valle di Bet Cortan: I dieci germogli per se'a, che è la densita di germogli che permette di arare un campo trenta giorni prima dell'inizio dell'anno di shemitta, il salice, la cerimonia nel Tempio di Sukkot, e la libagione d'acqua, per tutti i sette giorni di Sukkot, son tutti "halacha lemoshe misinai" Legge Orale trasmessa a Moshe dal Sinai.
Dopo aver accertato l'identit` del R'Yehoshua di cui R'Yehuda riportava l'insegnamento nella Baraita sopra studiata, la Ghemara si chiede perchè altri elementi atmosferici come rugiada, venti, e nuvole non vengano ricordati nella tefilla. Vengono illustrati vari effetti di tali elementi, benefici o meno. Su questo tema la Ghemara riporta alcuni insegnamenti di Rava sulla crescita dei semi e sulla crescita ...della Tora.

3b

(cinque righe prima della fine)
Disse Rava: Benefica è la neve alle montagne come quintupla pioggia alla pianura, Come è detto: Perchè Egli dice alla neve: Sii sulla terra, [e similmente dice alla pioggia di scendere sulla terra in forma di:] scrosci di pioggia e scrosci di violenti acquazzoni [scrosci(1) di pioggia(2) e scrosci(3) di violenti(4) acquazzoni(5)]
Un altro insegnamento di Rava sull'argomento:
Disse Rava: Neve alle montagne, pioggia forte agli alberi, pioggia gentile ai frutti, pioggerella benefica anche il seme sotto la zolla.
La Ghemara discute sul termine 'urfila usato da Rava per pioggerella:
Che mai è 'urfila? "Uru pili" Svegliatevi (uru) o fessure (pili) cioè i semi ivi nascosti.

Daf precedente
Daf successivo
Torna a Daf Yomi