Make your own free website on Tripod.com
 

 
 
daf4 Nazir - Mi SheamarSota - Hamkane
4a HAMKANE CAPITOLO PRIMO SOTA

 
È permesso copiare e divulgare la presente pagina a condizione che a capo e a piè pagina sia riportata la scritta da "Chavruta" di Rav Mordechai Goldstein

 
Daf successivo Daf precedente Torna a Daf Yomi
La Ghemara riporta una Baraita:
QUAL'È
LA PRIMA TESTIMONIANZA?
È LA TESTIMONIANZA DELLA STIRA,
L'ULTIMA TESTIMONIANZA?
È LA TESTIMONIANZA DELLA TUMA.
 
 

sota daf 4a
E QUANTO È
LA MISURA DELLA STIRA?
ABBASTANZA PER LA TUMA,
ABBASTANZA PER LA BIA,
ABBASTANZA PER LA HA'ARAA,
ABBASTANZA PER FARE IL GIRO DI UNA PALMA,
PAROLE DI R'YISHMAEL.
 
 

R'ELIEZER DICE:
ABBASTANZA PER MESCERE IL BICCHIERE.

R'YEHOSHUA DICE:
ABBASTANZA PER BERLO.

BEN AZAI DICE:
ABBASTANZA PER ARROSTIRE UN UOVO.

R'AKIVA DICE:
ABBASTANZA PER SORBIRLO.
 

R'YEHUDA 
BEN BETERA DICE:
ABBASTANZA PER SORBIRE
TRE UOVA,
UNO DOPO L'ALTRO.

R'ELAZAR
BEN YIRMYIA DICE:
ABBASTANZA PER ANNODARE
UN FILO ALL'ORDITO.
 
 

CHANIN BEN PINCHAS DICE:
ABBASTANZA PERCHÈ METTA LA MANO
IN BOCCA
PER ESTRARRE UNO STECCHINO di tra i denti.
 

FLEMO DISSE:
ABBASTANZA PERCHÈ METTA LA MANO
NEL CESTO PER PRENDERE UN PANE,
ANCHE SE il seguente versetto
NON  DIMOSTRA LA COSA
RICORDA LA COSA:
(Proverbi 6, 26)
PERCHÈ PER UNA MERETRICE
FINO AD UN PEZZO DI PANE.
 

La Ghemara domanda:
E tutte queste definizioni di R'Yishmael a cosa mi servono?
La Ghemara risponde:
Son necessarie,
perchè se avesse insegnato solo "abbastanza per la tuma",
avrei creduto che la misura della stira è "abbastanza per la tuma e per invogliarvela",
per questo viene a dirci 
che la misura della stira è "abbastanza per la bia" e non per invogliarvela,
e se avesse insegnato solo "abbastanza per la bia",
avrei creduto che la misura della stira è "abbastanza per la bia fino alla fine",
per questo viene a dirci che la misura della stira è "abbastanza per la ha'araa"
e se ci avesse fatto sentire
che la misura della stira è "abbastanza per la ha'araa",
avrei creduto che è "abbastanza la ha'araa"e per invogliarvela",
per questo viene a dirci che la misura della stira è "abbastanza per la tuma", e non per invogliarvela.
E quanto è "abbastanza [per la ha'araa]"?
Abbastanza per fare il giro di una palma.
La Ghemara mette a confronto una Baraita che porta affermazioni contradittorie rispetto alla precedente: E gli opposero la seguente Baraita:
(Numeri 5, 13)
E SI APPARTÒ
E QUANTO SIA LA MISURA DELLA STIRA
NON L'ABBIAMO SENTITO,
QUANDO EGLI DICE
E LEI SI RESE TMEA,
DIREI:
ABBASTANZA PER LA TUMA,
ABBASTANZA PER LA BIA,
ABBASTANZA PER LA HA'ARAA,
ABBASTANZA PERCHÈ LA PALMA TORNI INDIETRO,
PAROLE DI R'ELIEZER,
 
 
 

R'YEHOSHUA DICE:
ABBASTANZA PER MESCERE IL BICCHIERE.
BEN AZAI DICE:
ABBASTANZA PER BERLO.

R'AKIVA DICE:
ABBASTANZA PER ARROSTIRE UN UOVO.

R'YEHUDA 
BEN BETERA DICE:
ABBASTANZA PER SORBIRLO.
 
 
 
 

La Ghemara chiede:
Forse ti verrebbe da pensare che
fare il giro di una palma
e che la palma torni indietro siano la stessa cosa?
Ma nella prima Baraita disse R'Yishmael:
Abbastanza per fare il giro di una palma,
e R'Eliezer discordò su ciò,
qui disse R'Eliezer:
Abbastanza perchè la palma torni indietro! Quindi non può essere che le due espressioni siano equivalenti.
La Ghemara precisa:
Disse Abbaye: Il giro vien fatto con il piede, 
il ritorno vien causato dal vento.
La Ghemara chiede:
Era in dubbio R'Ashi:
Il tempo in cui avviene il ritorno della palma col vento
è quando va e poi viene,
o invece
è quando va e viene
e poi sta al suo posto?
La Ghemara conclude:
Il problema resta al suo posto senza soluzione.
La Ghemara fa notare un'altra contraddizione tra le due Baraitot:
nella prima Baraita R' Eliezer disse:
Abbastanza per mescere il bicchiere,
qui nella seconda Baraita disse: Abbastanza perchè la palma torni indietro!
La Ghemara spiega:
Questa e quella
sono la stessa misura.
La Ghemara fa notare un'altra contraddizione tra le due Baraitot:
nella prima Baraita R' Yehoshua disse:
Abbastanza per berlo.
Qui disse: Abbastanza per mescere il bicchiere!
La Ghemara spiega:
Dì: Abbastanza per mescere e per bere.
La Ghemara chiede:
E che dica:
Questa e quella
sono la stessa misura!
La Ghemara respinge questa possibilità:
Se è così, allora è la stessa cosa di R'Eliezer.
La Ghemara fa notare un'altra contraddizione tra le due Baraitot:
nella prima Baraita Ben Azai disse:
Abbastanza per arrostire un uovo,
qui disse: Abbastanza per berlo.
La Ghemara spiega:
Questa e quella
sono la stessa misura.
La Ghemara fa notare un'altra contraddizione tra le due Baraitot:
nella prima Baraita R'Akiva disse:
Abbastanza per sorbirlo,
qui disse: Abbastanza per arrostire un uovo!
La Ghemara spiega:
Dì: Abbastanza per arrostire un uovo e per sorbirlo.
La Ghemara chiede:
E che dica:
Questa e quella
sono la stessa misura!
La Ghemara respinge questa possibilità:
Se è così, allora è la stessa cosa di Ben Azai.
La Ghemara fa notare un'altra contraddizione tra le due Baraitot:
nella prima Baraita R'Yehuda ben Betera disse:
Abbastanza per sorbire tre uova, uno dopo l'altro,
qui disse: Abbastanza per sorbirlo!
La Ghemara spiega:
Si espresse secondo la shita di R'Akiva,
che disse: Si calcola
secondo la cottura e il consumo,
e R'Yehuda ben Betera gli rispose:
Dì: La misura secondo il consumo per proprio conto, 
corrisponde ad abbastanza per sorbire
tre uova, uno dopo l'altro,
e ciò equivale alla cottura e al consumo di un solo uovo.
 

La Ghemara riporta un passo della prima Baraita:
R'ELAZAR
BEN YIRMYIA DICE:
ABBASTANZA PER ANNODARE
UN FILO ALL'ORDITO.
La Ghemara solleva il seguente quesito:
Era in dubbio R'Ashi:
Quello lontano o quello vicino?
La Ghemara conclude:
Il problema resta al suo posto senza soluzione.
La Ghemara riporta un passo della prima Baraita:
CHANIN BEN PINCHAS DICE:
ABBASTANZA PERCHÈ METTA LA MANO
IN BOCCA
PER ESTRARRE UNO STECCHINO di tra i denti.
La Ghemara solleva il seguente quesito:
Era in dubbio R'Ashi:
Quello conficcato o quello non conficcato?
La Ghemara conclude:
Il problema resta al suo posto senza soluzione.
La Ghemara riporta un passo della prima Baraita:
FLEMO DISSE:
ABBASTANZA PERCHÈ METTA LA MANO
NEL CESTO PER PRENDERE UN PANE.
La Ghemara solleva una serie di quesiti:
Era in dubbio R'Ashi:
Quello conficcato o quello non conficcato?
In uno nuovo o in uno vecchio di cesto?
Si tratta di uno caldo o di uno freddo di pane?
sota daf 4b
Si tratta di uno di frumento o di uno d'orzo?
Di uno tenero o di uno duro?
La Ghemara conclude:
Il problema resta al suo posto senza soluzione.
La Ghemara commenta:
Disse R'Yitzchak bar Yosef in nome di R'Yochanan:
Ognuno calcolava secondo sè stesso secondo la propria esperienza di rapporti sessuali.
La Ghemara obietta:
Ma c'era Ben Azai
che non si era sposato!
La Ghemara risponde:
Se vuoi dì:
Si era sposato e poi si era divorziato.
E se vuoi dì:
Aveva sentito dal suo maestro.
E se vuoi dì:
(Salmi 25, 14)
Il segreto del Signore a coloro che lo temono.

Ghemara 4ab
La Ghemara riporta una serie di sentenze morali di Amoraim:
Spiegava R'Avira,
a volte lo diceva in nome di R'Ami,
a volte lo diceva in nome di R'Asi:
Ognuno che mangia pane
senza netilat yadaym
è come se andasse con una meretrice,
perchè è detto: (Proverbi 6, 26)
Perchè per una meretrice
fino ad un pezzo di pane.
La Ghemara obietta:
Disse Rava:
Questo che tu dici si impara da Perchè per una meretrice 
fino ad un pezzo di pane?
Per un pezzo di pane 
fino ad una meretrice,
ci vuole!
Piuttosto disse Rava:
Chiunque va con una meretrice
alla fine chiede in elemosina un pezzo di pane.
La Ghemara riporta un'altro responso sulla netilat yadaym:
Disse R'Zrika
in nome di R'Elazar:
Chiunque prende alla leggera la netilat yadaym
viene sradicato dal mondo.
La Ghemara riporta un'altro responso sulla netilat yadaym:
Disse R'Chyia bar Ashi
in nome di Rav:
Le prime acque quelle della lavanda della mani prima del pasto,
deve sollevare le sue mani
verso l'alto,
le ultime acque alla fine del pasto,
deve abbassare le sue mani
verso il basso.
Come dice pure una Baraita:
CHI SI FA LA LAVANDA DELLE MANI
DEVE SOLLEVARE LE SUE MANI
VERSO L'ALTO,
IN MODO CHE L'ACQUA NON SCORRA
OLTRE IL POLSO E TORNI
A RENDERE LE MANI IMPURE.
 
 
 

La Ghemara riporta un'altro responso sull'argomento:
Disse R'Abbahu:
Chi mangia pane
senza asciugarsi le mani
è come se mangiasse pane tame,
come è detto:
(Ezechiele 4, 13)
E disse il Signore così mangeranno
i figli di Israel
il loro pane tame ecc.

Ghemara 4b1
La Ghemara chiede:
E cosa vuol dire
(Proverbi 6, 26)
Perchè per una meretrice fino ad un pezzo di pane e la donna sposata 
darà la caccia ad un'anima preziosa?
La Ghemara spiega:
Ogni uomo
che ha in sè spirito di superbia
alla fine si imbatte nella donna sposata, 
come è detto:
e la donna sposata 
darà la caccia ad un'anima preziosa.
La Ghemara obietta:
Disse Rava:
Quella che coltiva la superbia è un'anima preziosa?
Un anima altezzosa bisognava dire!
E ancora,
un'anima preziosa lei darà la caccia alla donna sposata bisognava dire!
La Ghemara spiega:
Piuttosto, disse Rava:
Chi va con la donna sposata,
persino se studiò la Tora,
su cui è scritto:
(Proverbi 3, 15)
Essa è più preziosa delle perle - fninim
che si interpreta più preziosa del Kohen Gadol che entra
lifne ve - lifnim per dire che chi studia la Tora è più ancora del Kohen Gadol,
essa questa trasgressione gli darà la caccia
fino alla condanna del Ghehinom.
La Ghemara riporta altri responsi su argomenti simili:
Disse R'Yochanan
in nome di R'Shimon ben Yochai:
Ogni uomo
che ha in sè spirito di superbia
è come se
praticasse il culto idolatrico,
è scritto qui:
(Proverbi 16, 5)
È abominevole presso il Signore ogni altezzoso nel cuore,
ed è scritto là:
(Deuteronomio 7, 26)
E non porterai l'abominazione
nella tua casa.
E R'Yochanan stesso diceva:
È come se rinnegasse la fede,
perchè è detto:
(Deuteronomio 8, 14)
E diverrà superbo il tuo cuore
e dimenticherai il Signore tuo Dio ecc.
R'Chama bar Chanina diceva:
È come se andasse su tutte le 'arayot,
è scritto qui:
(Proverbi 16, 5)
È abominevole presso il Signore ogni altezzoso nel cuore,
ed è scritto là:
(Levitico 18, 27)
Perchè tutte 
le abominazioni per Dio ecc.
Ulla disse:
È come se avesse costruito una bama,
perchè è detto:
(Isaia 2, 22)
Cessate dal confidare nell'uomo 
che non ha che respiro nelle sue nari 
poichè in che cosa - bamme - può essere considerato?
Non leggere bamme
bet con patach e mem con segol
ma bama
bet e mem con kmatz.
 
 
 
 
 
 
 
 

La Ghemara chiede:
Cosa vuol dire
(Proverbi 16, 5)
È abominevole presso il Signore ogni altezzoso nel cuore,
presto o tardi non andrà impunito?
La Ghemara spiega:
Disse Rav:
Chi va sulla donna sposata,
anche se ha acquistato
al Santo, Benedetto Egli sia,
il cielo e la terra
come il nostro padre Abramo,
sul quale è scritto:
(Genesi 14, 22)
Sollevai le mie mani verso il Signore
Dio altissimo
Padrone del cielo e della terra,
non verrà assolto
dalla condanna al Ghehinom.
 
 

La Ghemara riporta:
Era difficile
agli studiosi dell'Accademia di R'Shila:
Quel presto o tardi non andrà impunito, in cui l'espressione yad leyad viene reso con presto o tardi non è collegabile col versetto di Avraham, yadai - le mie mani ci vorrebbe!
Invece dissero
gli studiosi dell'Accademia di R'Shila:
Persino abbia ricevuto la Tora
come Moshe nostro Maestro,
sul quale è scritto:
(Deuteronomio 33, 2)
Dalla Sua Mano Destra fuoco di fede a lui
non verrà assolto
dalla condanna al Ghehinom.
La Ghemara riporta:
Era difficile a R'Yochanan:
Quell'espressione yad leyad è forse collegabile col versetto di Moshe?
Yad miyad - mano da mano ci vorrebbe!
Invece disse R'Yochanan:

Ghemara 4b2
Daf successivo Daf precedente Torna a Daf Yomi
È permesso copiare e divulgare la presente pagina a condizione che a capo e a piè pagina sia riportata la scritta da "Chavruta" di Rav Mordechai Goldstein