Make your own free website on Tripod.com
 

 
 
daf 11 Nazir - Hareni Nazir
11a HARENI NAZIR CAPITOLO SECONDO NAZIR

 
È permesso copiare e divulgare la presente pagina a condizione che a capo e a piè pagina sia riportata la scritta da "Chavruta" di Rav Mordechai Goldstein

 
Daf successivo Daf precedente Torna a Daf Yomi
Mishna.
Gli versarono 
il bicchiere,
e lui disse: Eccomi nazir da esso,
ecco che costui è nazir.
Accadde che una donna
che era ubriaca,
le versarono il bicchiere,
e lei disse:
Eccomi nazira da esso.
Dissero i Chachamim:
Costei non intendeva
altro che dire:
Ecco che esso sia per me come un korban.
Misha 11a
Ghemara. La Ghemara fa notare una contraddizione tra reshae sefa della nostra Mishna:
Come mai viene riportato nella Mishna un episodio al fine di smentire il din enunciato nella resha?
Tu dici nella resha:
Costui è nazir,
e successivamente la Mishna insegna:
Accadde che una donna . . .
quindi è quello di bicchiere ad essere proibito dalle parole: Eccomi nazira da esso,
tuttavia altro vino è permesso quindi non vige la nezirut, ma nella resha dicesti il contrario!!
La Ghemara spiega:
La Mishna è come se fosse lacunosa
e veramente così avrebbe dovuto insegnare:
Gli versarono 
il bicchiere,
e lui disse: Eccomi nazir da esso,
ecco che costui è nazir,
ma se egli è ubriaco,
e disse: Eccomi nazir da esso,
non è nazir,
per quale motivo?
È come se avesse detto:
Ecco che esso sia per me come un korban
e se tu obietterai: E allora che la Mishna dica così,
la risposta è: L'ubriaco pensò:
Ecco che mi portano un altro bicchiere
e mi torturano portandomi altro da bere per divertirsi con la mia ubriachezza,
dì loro questo che voglio diventare nazir con questo bicchiere
e così la smetteranno.
La Ghemara conclude: E a conferma di questo la Mishna disse: E ACCADDE ANCHE CHE UNA DONNA . . .
Ghemara 11a
Mishna. 
Se uno disse: Eccomi nazir
a condizione che berrò vino
e mi renderò tame dei cadaveri,
ecco che costui è nazir e gli son proibite tutte le cose che son proibite ad un nazir.
Se uno disse: So bene che c'è la nezirut,
ma non so
che al nazir è proibito il vino,
ecco che costui è nazir e gli è proibito tutto ciò che è proibito ad un nazir.
Ma R'Shimon non lo considera nazir e permette che si comporti come uno qualsiasi.
Se uno disse: So bene
che al nazir è proibito il vino,
però pensavo
che i Chachamim mi permettono di bere vino,
perchè io non
posso vivere se non col vino,
oppure perchè io di mestiere seppellisco
i morti, 
ora a questo è permesso bere vino e seppellire i morti e non è nazir,
ma R'Shimon proibisce che egli beva vino e seppellisca i morti perchè lo ritiene nazir.
Mishna 11a1
Ghemara. La Ghemara obietta: E che R'Shimon dissenta anche quanto alla resha al primo din della Mishna in cui uno disse: Eccomi nazir a condizione che berrò vino ecc.
La Ghemara spiega:
Disse R'Yehoshua ben Levi:
Dissentiva R'Shimon 
anche quanto alla resha.
La Ghemara fornisce una seconda spiegazione:
Ravina disse:
Quanto alla resha
R'Shimon non dissentiva,
e perchè?
Perchè la resha parla di un caso in cui egli poneva condizioni
a quanto è scritto nella Tora,
e chiunque ponga condizioni 
a quanto è scritto nella Tora,
la sua condizione non ha valore.
La Ghemara obietta:
E R'Yehoshua ben Levi? Forse non ritiene anche lui che chiunque ponga condizioni a quanto è scritto nella Tora, la sua condizione non ha valore? 
La Ghemara spiega:
R'Yehoshua ben Levi ti direbbe: [Quell'] "a condizione che" è simile a "all'infuori di".
La Ghemara riporta una Baraita coerente alla shita di Ravina:
DISSE ECCOMI NAZIR
A CONDIZIONE CHE
BERRÒ VINO
E MI RENDERÒ TAME DAI CADAVERI
COSTUI È NAZIR
E TUTTO GLI È PROIBITO,
PERCHÈ EGLI PONE CONDIZIONI
A QUANTO
È SCRITTO NELLA TORA,
E CHIUNQUE PONGA CONDIZIONI
A QUANTO È SCRITTO NELLA TORA,
LA SUA CONDIZIONE NON HA VALORE.
La Ghemara riporta un'altro passo della nostra Mishna:
SO
CHE AL NAZIR È PROIBITO IL VINO.
La Ghemara fa notare una contraddizione tra il secondo e il terzo din:
Eppure dicesti nella resha cioè nel primo degli ultimi due dinim della Mishna:
è proibito
ma R'Shimon permette, perchè nel secondo din capovolgi le shitot?
La Ghemara ammette che si tratta di una contraddizione e suggerisce:
Dì anche nel terzo din:
ecco che è proibito
ma R'Shimon permette.
La Ghemara riporta una seconda soluzione:
E se vuoi dì:
Continua a non capovolgere le shitot nel terzo din, perchè i due dinim parlano di casi diversi.
Là, nel secondo din 
nazir daf 11b
che è poi la resha dei due ultimi dinim, è il caso di uno che fece neder di nezirut da una delle proibizioni della nezirut ma non da tutte, che secondo Rabbanan
che dissero che persino
se non fece neder di nezirut che da una di esse delle proibizioni della nezirut è nazir,
ecco che anche costui è nazir e gli è proibito tutto ciò che è proibito ad un nazir,
per R'Shimon
che disse che uno non è nazir finchè non ha fatto neder di nezirut da tutte le proibizioni della nezirut,
egli non è nazir e gli è permesso tutto quello che è permesso a tutti.
Mentre nella sefa nel terzo din della nostra Mishna è il caso di uno che fece neder di nezirut da tutto ciò che è proibito ad un nazir
ma poi chiese lo scioglimento da uno dei divieti del nazir, che secondo Rabbanan
che dissero che persino
se non fece neder di nezirut che da una di esse delle proibizioni della nezirut
è nazir
quando chiese lo scioglimento da una 
di esse viene sciolto completamente dalla nezirut,
per R'Shimon
che disse che uno non è nazir finchè non ha fatto neder di nezirut da tutte le proibizioni della nezirut,
quand'anche chiedesse lo scioglimento da una di esse
resterà nazir finchè non chiederà lo scioglimento da tutte le proibizioni della nezirut,
e per questo la Mishna insegna:
E R'SHIMON PROIBISCE e lo ritiene nazir finchè non ha chiesto scioglimento da tutto.
 

La Ghemara riporta una terza soluzione:
E se vuoi dì:
Quanto all'ultimo din della nostra Mishna è sui nedarim in situazioni di ones
che essi disputarono,
ed i Chachamim e R'Shimon della nostra Mishna sono divisi dalla stessa machloket di Shmuel
e R'Asi perchè è detto nella Mishna: (Nedarim daf 20b)
QUATTRO TIPI DI NEDARIM
I CHACHAMIM SCIOLSERO:
NEDARIM FATTI PER STIMOLARE,
NEDARIM ESAGERATI,
NEDARIM PER ERRORE,
NEDARIM IN SITUAZIONE DI ONES.
La Ghemara riporta la machloket Amoraim:
E disse R'Yehuda
in nome di R'Asi:
Quei quattro nedarim
hanno bisogno di domanda di scioglimento ai Chachamim.
Quando questo responso di R'Asi fu detto 
alla presenza di Shmuel, egli mi disse:
È il Tanna ad insegnare:
I CHACHAMIM SCIOLSERO,
e tu hai detto:
Hanno bisogno di domanda di scioglimento ai Chachamim?
La Ghemara illustra il parallelismo:
Rabbanan pensavano come Shmuel che se prese la nezirut e poi fu costretto a bere vino o a rendersi tame dei cadaveri per una situazione imprevista al momento del neder, è immediatamente prosciolto dalla nezirut,
e R'Shimon pensava come R'Asi che se prese la nezirut e poi fu costretto a bere vino o a rendersi tame dei cadaveri per una situazione imprevista al momento del neder, non è prosciolto dalla nezirut finchè non ha fatto domanda di scioglimento ad un Chacham.

Ghemara 11ab
Mishna. Uno che disse: Eccomi nazir
e devo radere un nazir cioè portare i korbanot che porta un nazir quando si rasa la chioma,
e lo udì un suo compagno e disse:
Anch'io e devo radere un nazir,
se fossero intelligenti
si raderebbero l'un l'altro,
e se no
radono ognuno altri nezirim.
Mishna 11b
Ghemara. La Ghemara manifesta un dubbio: Si presentò loro agli studiosi il quesito:
Lo udì un suo compagno e disse:
"Anch'io" e non aggiunse altro,
quale è il din?
La Ghemara illustra i lati del quesito:
"Anch'io" prendo su di me tutto quel che disse
vuol dire, o invece
prendo su di me la metà di quel che disse
vuol dire?
E se vuoi dire
che vuol dire prendo su di me la metà di quel che disse,
ci riferiamo alla resha o alla sefa? Cioè ha preso su di sè la nezirut o i korbanot di chi si rade?
La Ghemara cerca una soluzione del quesito nella nostra Mishna:
Vieni a sentire cosa dice la nostra Mishna:
ANCH'IO E DEVO
RADERE UN NAZIR,
SE FOSSERO INTELLIGENTI
SI RADEREBBERO L'UN L'ALTRO,
da ciò che ha detto: "Anch'io e devo",
impara da ciò:
"Anch'io" da solo si riferisce alla metà di quel che disse.
Dissero gli studiosi della Yeshiva: D'accordo,
"Anch'io" da solo si riferisce alla metà di quel che disse,
ad ogni modo resta da chiedersi: Si riferisce alla resha o alla sefa?
La Ghemara cerca una soluzione ache al secondo quesito nella nostra Mishna:
Impara dalla stessa Mishna,
da ciò che ha detto: "Ed io devo radere",
impara da ciò:
"Anch'io"da solo all'inizio di quel che disse con cui ha preso su di sè la nezirut,
si riferisce.
La Ghemara muove un'obiezione a questo tipo di dimostrazioni:
Gli disse R'Huna
il figlio di R'Yehoshua a Rava:
Da dove dimostri che è così?
Sempre continuerò a dirti:
"Anch'io"da solo si riferisce a tutto quel che disse,
e se è per "Ed io devo",
cosa ha detto con "Ed io devo"?
Egli torna a ribadire il suo impegno su questa cosa.
Perchè se non dirai così ma dirai che "Anch'io" da solo si riferisce alla metà di quel che disse,
ecco cosa ti insegna la sefa cioè la Mishna successiva a quella trattata (daf 12b):
 
 
 

Eccomi nazir
E DEVO
RADERE MEZZO NAZIR
E UDÌ UN SUO COMPAGNO
E DISSE: ANCH'IO E DEVO
RADERE MEZZO NAZIR,
Là forse ci sono
due cose? La seconda è solo una mezza cosa!
Piuttosto perchè ha detto "devo" anche se in realtà  non era indispensabile?
Per ribadire il suo impegno in quella cosa.
Anche qui nella nostra Mishna quando ha detto "devo"
è per ribadire il suo impegno in quella cosa.
La Ghemara respinge questa dimostrazione di R'Huna figlio di R'Yehoshua:
Gli disse Rava:
Ah è così?
È comprensibile se hai detto che nella nostra Mishna, cioè
la resha è indispensabile aggiungere le parole "e devo" perchè "anch'io" sta solo per la nezirut,
e nella Mishna successiva la sefa non è indispensabile aggiungere le parole "e devo" che stanno per metà cosa, e così puoi dire che il Tanna insegna "e devo" nella sefain cui non è indispensabile per via della resha nella quale è indispensabile,
ma se hai detto che aggiungere "e devo" 
nella resha non è indispensabile perchè "anch'io" sta per tutto quello che ha detto,
e nella sefa non è indispensabile,
ha senso dire che il Tanna insegna "e devo" nella reshain cui non è indispensabile e lo insegna nella sefa in cui anche non è indispensabile? 
È così dimostrato che le parole "Anch'io" si riferiscono alla nezirut e bisogna aggiungere "e devo" per prendere su di sè i korbanot della rasatura.
La Ghemara passa ad un nuovo argomento:
Disse R'Yitzchak bar Yosef
in nome di R'Yochanan:
Colui che dice al suo incaricato

Ghemara 11b
Daf successivo Daf precedente Torna a Daf Yomi
È permesso copiare e divulgare la presente pagina a condizione che a capo e a piè pagina sia riportata la scritta da "Chavruta" di Rav Mordechai Goldstein