Make your own free website on Tripod.com
 

 
Ketubbot - Mi Shehaia Nasui - 94
94a CHI ERA SPOSATO CAPITOLO DECIMO KETUBBOT

 
È permesso copiare e divulgare la presente pagina a condizione che a capo e a piè pagina sia riportata la scritta da "Chavruta" di Rav Mordechai Goldstein

 
Daf successivo Daf precedente Torna a Daf Yomi

 
G
h
e
m
a
r
a
[da Daf 93b: La Ghemara chiede: 
In che mai divergono il Tanna Kamma e Bar Nanas?
La Ghemara risponde: 
Disse Shmuel: da Daf 93b] come nel caso in cui uno di essi, campi, si riveli 
essere un campo che non è suo, del marito,
ed è su un creditore tardivo, che detiene un documento di credito con una data recente,
che prevenne i creditori con documenti anteriori e riscosse il suo credito, che essi disputano, Tanna Kamma era dell'opinione:
Quel che riscosse non lo riscosse e deve restituirlo,
e Ben Nanas era dell'opinione:
Quel che riscosse, riscosse e non deve restituirlo.
La Ghemara riporta un'altra shita:
R'Nachman disse 
in nome di Rabba bar Avua:
È opinione comune a tutti che
quel che riscosse non lo riscosse,
ma qui è sull'opportunità di temere
che lei mandi in rovina il campo, che essi disputano,
un Maestro era dell'opinione:
È opportuno temere che lei mandi in rovina il campo,
e l'altro Maestro era dell'opinione:
Non è necessario temere che lei mandi in rovina il campo.
La Ghemara riporta un'altra shita:
Abbaye disse:
È quel che disse Abbaye Kashisha (il Vecchio)
che sta tra loro, che li divide:
Perchè insegnò Abbaye Kashisha in una Mishna:
GLI ORFANI DI CUI PARLARONO i Chachamim, dai quali non si può riscuotere senza giuramento,
sono I GRANDI
E NON OCCORRE RICORDARE
I PICCOLI,
Tanna Kamma non tiene conto di quel che disse Abbaye Kashisha, e ritiene che il giuramento sia dovuto solo quando gli orfani sono minori, e nel nostro caso erano maggiorenni,
mentre Ben Nanas
tiene conto di quel che disse Abbaye Kashisha, e in ogni caso si deve giurare.

La Ghemara riporta un quesito connesso con la nostra Mishna:
Disse R'Huna:
Nel caso di quei due fratelli soci nell'eredità paterna o due altri soci 
che hanno una causa al Bet Din con un tale,
e solo uno di essi andò
con lui al processo,
non è possibile per l'altro fratello o l'altro socio che non vennero con lui dirgli:
"Tu non sei il rappresentante
di me, tu" quello che è stato deciso riguarda la tua parte e non la mia,
ma noi diciamo che egli, colui che andò al processo, ha eseguito il suo incarico.
La Ghemara riporta un episodio connesso col nostro argomento:
Una volta R'Nachman capitò a Sura,
gli chiesero:
In un caso del genere quale è il din?
Disse loro: "È una Mishna a parlarne:
LA PRIMA GIURA ALLA SECONDA,
LA SECONDA ALLA TERZA,
LA TERZA ALLA LA QUARTA,
mentre che la prima giura alla terza
non è insegnato nella Mishna.
Per quale motivo?
Non è forse perchè
la seconda che ha raccolto il giuramento della prima ha eseguito il suo incarico, della terza?
La Ghemara obietta:
È forse simile?
nel caso della nostra Mishna un giuramento a uno 
è come un giuramento a cento,
Qui, nel caso dei soci portato da R'Huna, potrebbe dirgli a quello che andò al processo:
"Se c'ero io,
arguivo meglio e vincevo la causa".
La Ghemara precisa:
E non si dice che il verdetto non riguarda il socio che non era presente se non
nel caso in cui il socio non era in città,
ma se era in città
egli doveva venire e se non è venuto deve accettare il verdetto.
La Ghemara riporta una discussione di Amoraim:
Fu detto:
A proposito di due documenti di vendita dello stesso terreno,
che escono lo stesso giorno, con la stessa data,
Rav disse:
Si divide il bene tra i due possessori dei documenti perchè non si può stabilire la precedenza.
Ma Shmuel disse:
La decisione ai giudici secondo i dati in loro possesso.
La Ghemara ricerca l'origine delle opinioni di Rav e Shmuel:
Diciamo,
che Rav disse come R'Meyr, che disse:
I testimoni della firma del documento decidono e se tutto è in regola vuol dire che era volontà del venditore che il campo fosse diviso tra i due compratori,

Ghemara 94a
94b
e Shmuel disse 
come R'Elazar, 
che disse:
I testimoni della consegna del documento decidono.
La Ghemara si oppone a questa soluzione:
No, 
perchè entrambe le parti sono 
dell'opinione di R'Elazar,
e qui su questo divergono,
Rav riteneva:
È meglio la divisione, del campo in parti uguali tra i due latori del documento di vendita,
e Shmuel riteneva:
È meglio la decisione dei giudici a chi dei due latori del documento di vendita darlo.
La Ghemara obietta:
Ma è forse possibile comprendere
Rav alla maniera di R'Elazar?
Ma disse R'Yehuda
in nome di Rav:
L'halacha segue R'Elazar
in questioni di ghittin,
e quando ciò fu riportato
alla presenza di Shmuel,
egli disse:
anche in questioni di documenti, 
da cui deduciamo che Rav riteneva:
in questioni di documenti no, 
La Ghemara conclude:
invece appare chiaramente che
Rav pensava come R'Meyr
e Shmuel come R'Elazar.
La Ghemara sferra un attacco da una Baraita:
Sollevarono un'obiezione da quanto si impara in un Baraita:
Nel caso di DUE DOCUMENTI di cessione o di vendita,
CHE ESCONO NELLO STESSO GIORNO, cioè con la stessa data,
i latori si DIVIDONO il bene in questione, 
e ciò rappresenta una confutazione della shitadi Shmuel!
La Ghemara ribatte:
Ti potrebbe rispondere Shmuel: La Baraita citata secondo la shita di chi è? Di R'Meyr ed io mi sono basato su R'Elazar.
La Ghemara risponde:
Se è R'Meyr, porta la sefa della stessa Baraita:
SCRISSE AD UNO un documento di vendita ma non glielo consegnò
E scrisse AD UN ALTRO un documento di vendita dello stesso bene e glielo CONSEGNÒ,
poi consegnò il primo documento, QUELLO A CUI lo CONSEGNÒprima,ACQUISTÒ, e se fosse la shita di R'Meyr, come mai ha acquistato? Ma R'Meyr disse:
I testimoni della firma del documento decidono, e non quelli della consegna!
La Ghemara propone un'altra spiegazione:
Si tratta di una machloket tra Tannaim, 
infatti fu insegnato in una Baraita:
Nel caso di uno che mandò ad un altro del denaro tramite un incaricato, ma quando l'incaricato arrivò il destinatario era morto, e intanto anche il mandante era morto. Che fa col denaro?
E I SAGGI DICONO,
che gli eredi dei due DIVIDANO la somma in parti uguali,
E QUI DISSERO:
QUELLO CHE VUOLE
L'INCARICATO SI FACCIA, c'è quindi una machloket sul comportamento in caso di dubbio!
La Ghemara riporta un episodio:
La mamma di Rami bar Chama
scrisse il lascito dei suoi beni
a Rami bar Chama al mattino,
alla sera li scrisse
a Mar 'Ukva bar Chama.
Si presentò Rami bar Chama
dinnanzi a R'Sheshet,
e questi mise lui sui beni, cioè decise che spettavano a Rami bar Chama.
Si presentò Mar 'Ukva
dinnanzi a R'Nachman,
e questi mise lui sui beni, cioè decise che spettavano a Mar 'Ukva.
Si presentò R'Sheshet
dinnanzi a R'Nachman,
gli disse  a R'Nachman:
Per quale ragione Sua Signoria ha agito così?
Gli disse R'Nachman a R'Sheshet:
E per quale ragione Sua Signoria ha agito così?
Gli disse R'Sheshet:
Perchè il documento scritto alla mattina ha la precedenza.
Gli disse R'Nachman:
Forse che risediamo a Yerushalaym
dove si scrivono le ore dei documenti?
Gli disse R'Sheshet a R'Nachman:
E allora per che ragione Sua Signoria, R'Nachman, ha agito così? Perchè ha deciso che tutti i beni spettano a Mar 'Ukva e non ha ordinato la spartizione in parti uguali, come nei casi di dubbio?
Gli disse R'Nachman:
In questo caso si dice: La decisione ai giudici, secondo quello che ritengono più giusto.
Gli disse R'Sheshet:
Anch'io ritengo che si debba dire: La decisione ai giudici, e siccome io decisi per primo che i beni dovessero spettare a Rami bar Chama, perchè tu li hai dati a Mar 'Ukva?
Gli disse R'Nachman:
Primo, perchè il sono giudice
e Sua Signoria non è un giudice come me, con un'investitura da parte del Resh Galuta e del Rosh Yeshiva, e inoltre,
all'inizio non in questa maniera di invocare "La decisione ai giudici",
ci sei arrivato a dare i beni a Rami bar Chama, ma hai sbagliato invocando un criterio non in uso.
La Ghemara riporta un altro episodio:
A proposito di quei due documenti
che giunsero dinnanzi a R'Yosef,
in uno era scritto, era datato,
il cinque di Nissan,
e in uno era scritto
semplicemente Nissan senza specificare il giorno,
R'Yosef mise
quello che aveva il documento datato il cinque di Nissan,
sopra i beni, cioè decise che il suo documento aveva più valore di quello dell'altro.
Gli disse l'altro quello che aveva perso:
E io perderò tutto?
Gli disse R'Yosef:
La tua mano è in basso, come dire la tua posizione è più debole,
diciamo che tu hai un documento che potrebbe essere datato il ventinove di Nissan.
Gli disse il perdente:
Mi scriva Sua Signoria
Ghemara 94b
Daf successivo Daf precedente Torna a Daf Yomi
È permesso copiare e divulgare la presente pagina a condizione che a capo e a piè pagina sia riportata la scritta da "Chavruta" di Rav Mordechai Goldstein