Make your own free website on Tripod.com
 

 
Ketubbot - Metziat Haisha - 72
72a CHI PROIBISCE PER VOTO CAPITOLO SETTIMO KETUBBOT

 
È permesso copiare e divulgare la presente pagina a condizione che a capo e a piè pagina sia riportata la scritta da "Chavruta" di Rav Mordechai Goldstein

 
Daf successivo Daf precedente Torna a Daf Yomi

 
. . . . . .
Mishna E queste escono dalla casa del marito col ghet senza ketubba
Colei che trasgredisce alla religione di Moshe e colei che trasgredisce alla religione della donna giudea.
E quale è per lei la religione di Moshe?
Gli imbandisce al marito del cibo tevel da cui cioè non sono state prelevate terumot e ma'asrote lui crede che lei l'abbia fatto,
e ha con lui rapporti sessuali mentre è nidda e lui crede che lei sia permessa,
e non separa la challa dall'impasto,
e fa voti e poi non li mantiene.
E quale è la religione della donna giudea alla quale lei trasgredisce?
Esce in pubblico a capo scoperto,
e fila la lana o il lino al mercato,
e parla con ogni persona.
Abba Shaul dice:
Anche colei che maledisce i genitori di lui in sua presenza.
R'Tarfon dice:
Anche colei che ama il vociare.
E chi è colei che ama il vociare? 
Una che quando parla all'interno della sua casa i suoi vicini sentono la sua voce.
Mishna 72a
Ghemara La Ghemara cita un passo della nostra Mishna:
E quale è per lei la religione di Moshe? GLI IMBANDISCE DEL CIBO DA CUI NON SONO STATE PRELEVATE TERUMOT E MA'ASROTecc.
La Ghemara si chiede:
Come sarebbe a dire che gli imbandisce tevel? Se lui lo sapeva, che si tiri indietro e non mangi! Se lui non lo sapeva, da dove lo sa ora che il cibo era tevel, in modo da decidere di divorziarla?
La Ghemara spiega:
La Mishna non deve dirlo che nel caso in cui lei gli disse:"Il tale Kohen mi ha messo a posto il mucchio del raccolto, e ha prelevato terumot e ma'asrot" e in base alle sue parole lui mangiò il cibo da lei preparato, successivamente andò a domandare al tale Kohen e venne fuori che lei mentì.

La Ghemara cita il passo successivo della nostra Mishna:
E HA CON LUI RAPPORTI SESSUALI MENTRE È NIDDA.
La Ghemara si chiede:
Come sarebbe a dire? Se lui lo sapeva di lei che è nidda, che si tiri indietro e non abbia rapporti con lei! Se lui non lo sapeva, che faccia affidamento su di lei anche ora in quanto lei dice di essere permessa! Perchè disse R'Chinana bar Kahana in nome di Shmuel: Da dove impariamo che la nidda conta per conto suo i sette giorni della purificazione e su questo è degna di fede? Perchè è detto: 

Ghemara 72a
(Levitico 15,28) "E conterà per lei sette giorni", ed interpretiamo la parola "per lei" - per conto suo sotto la sua responsabilità.
La Ghemara spiega:
La Mishna non deve dirlo che nel caso in cui lei gli disse:"Il tale Chacham mi ha dichiarato puro il sangue" e in base a queste sue parole lui ebbe rapporti sessuali con lei, successivamente andò a domandare al tale Chacham e venne fuori che lei mentì.
La Ghemara offre una seconda spiegazione:
E se vuoi dì come R'Yehuda, perchè disse R'Yehuda: Se fu ritenuta nidda dalle sue vicine, suo marito viene fustigato per aver avuto rapporti sessuali con lei, in quanto nidda. E la nostra Mishna tratta di una che disse al marito di essere permessa e lui andò con lei e successivamente risultò che le vicine la ritenevano già nidda.
. . . . . .
72b
. . . . . .
 
Mishna Colui che si fidanza con una donna a condizione che non vi siano voti su di lei cioè che non fede voti prima dei kiddushin, e invece risultarono esservi voti su di lei fatti da lei prima dei kiddushin, non è validamente fidanzata.
Se la fece entrare sotto la chuppa, completò il matrimonio, senza specificare alcuna condizione, e risultarono esservi voti su di lei fatti da lei prima, i kiddushin sono validi, e viene divorziata ma deve uscire senza ketubba, perchè il marito può dire: "Non avrei mai preso una donna che fa facilmente voti".
Colui che si fidanza con una donna a condizione che non vi siano in lei difetti, e invece risultarono esservi in lei difetti, non è validamente fidanzata. Se la fece entrare sotto la chuppa, senza specificare alcuna condizione, e risultarono esservi in lei difetti, deve uscire senza ketubba.
Tutti i difetti che rendono pesulin i Kohanim nei riguardi del culto nel Santuario, rendono pasul nelle donne.
Mishna 72b
Ghemara La Ghemara si meraviglia:
Ma venne insegnato anche nei riguardi dei kiddushin nel trattato Kiddushin, allo stesso modo perchè anche qui viene insegnata la stessa cosa?
La Ghemara risponde:
Qui ci voleva il din delle ketubbot, e il Tanna insegnò  il din dei kiddushin come accompagnamento al din delle ketubbot, mentre là ci voleva il din dei kiddushin, e il Tanna insegnò il din delle ketubbot come accompagnamento al din dei kiddushin.

La Ghemara specifica:
Disse R'Yochanan in nome di R'Shimon ben Yehotzadak: Di quali voti parlarono? Come quando la donna fa voto che non mangerà carne e non berrà vino, che non si adornerà di abiti colorati, che son voti con cui la donna si rende miserabile e non gradita al marito, cosa a cui lui ci tiene, ma non altri tipi di voto.
La Ghemara riporta una Baraita a sostegno dell'insegnamento di R'Yochanan:
Anche una Baraita insegna così: DI QUALI VOTI PARLARONO?COSE IN CUI C'È AFFLIZIONE D'ANIMO, CHE NON MANGERÀ CARNE E NON BERRÀ VINO, CHE NON SI ADORNERÀ DI ABITI COLORATI.
La Ghemara chiarisce alcuni quesiti riguardanti la Baraita:
Si interrogò su di essa R'Pappa: Su quale parte della nostra Mishna fu insegnata tale Baraita? Se diciamo sulla resha, siccome che c'è l'ha proprio con i voti, persino con qualsiasi tipo di voto ugualmente se la 

Ghemara 72b
prenderà e lo riterrà una violazione della condizione da lui posta per la validità dei kiddushin. Piuttosto diciamo che la Baraita fu insegnata a proposito della sefa.
La Ghemara respinge questo ragionamento:
R'Ashi disse: Le parole della Baraita si riferiscono sempre alla resha, e a ciò a cui la gente ci tiene lui ci tiene, e a ciò a cui la gente non ci tiene lui non ci tiene, e non ritiene ogni tipo di voto tale da render nulli i kiddushin, ma solo i voti caratterizzati da afflizione d'animo.

La Ghemara riporta una machloket tra Amoraim su un argomento connesso alla nostra Mishna:
Venne detto: Se la fidanzò a condizione che non abbia fatto dei voti, o che non abbia difetti, e la fece entrare sotto la chuppa senza specificare alcuna condizione, e poi venne fuori che aveva fatto dei voti o aveva dei difetti, a questo proposito esiste una disputa tra Rav e Shmuel, Rav disse: se non la vuole più deve avere da lui il ghet perchè, nonostante tutto, il matrimonio ha valore, ma Shmuel disse: non deve avere da lui il ghet perchè siccome la condizione non fu rispettata non si formò alcun legame tra loro.

. . . . . .
Daf successivo Daf precedente Torna a Daf Yomi
È permesso copiare e divulgare la presente pagina a condizione che a capo e a piè pagina sia riportata la scritta da "Chavruta" di Rav Mordechai Goldstein