Make your own free website on Tripod.com
 

 
Daf 110Ketubbot - Shene Daiane
110a DUE GIUDICI CAPITOLO TREDICESIMO KETUBBOT

 
È permesso copiare e divulgare la presente pagina a condizione che a capo e a piè pagina sia riportata la scritta da "Chavruta" di Rav Mordechai Goldstein

 
Daf successivo Daf precedente Torna a Daf Yomi
Mishna. Nel caso di uno, Reuven, che emette 
uno shetar chov a carico del suo compagno Shimon, che possiede un campo
e costui tirò fuori un documento attestante che Reuven gli vendette
il suo campo, dopo che egli contrasse con lui il debito.
Admon dice il sesto dei suoi responsi:
Shimon può dire: se fosse stato vero
che ti ero debitore,
avresti dovuto riscuotere il tuo credito
quando mi vendesti il campo, siccome non lo hai fatto, vuol dire che ti avevo già pagato.
Ma i Chachamim dicono:
Era oculato costui, Reuven,
che gli vendette il terreno a Shimon,
perchè ora egli può prenderlo in pegno a Shimon finchè questi non gli abbia pagato il debito.
Mishna 110a1
. . . . . .
Mishna. Nel caso di due
che emisero uno shetar chov
l'uno a carico dell'altro,
Admon dice il settimo dei suoi responsi:
Colui che possiede lo shetar più recente può dire: se è vero che ti ero debitore,
come mai prendi a prestito da me invece di chiedere la restituzione del tuo credito? La verità è che ti ho già pagato e il tuo shetar chov è falso.
Ma i Chachamim dicono:
Questo incassa la somma scritta nel suo shetar chov
e questo incassa la somma scritta nel suo shetar chov.
Mishna 110a2
. . . . . .
Mishna. Vi sono tre regioni in Eretz Yisrael
rilevanti per i matrimoni: la Giudea,
la Transgiordania e la Galilea, che se si sposarono delle donne  in una di queste regioni
non si può farle uscire da una cittadina di una regione ad una cittadina di un'altra regione, nè da una grande città di una regione ad una grande città di un'altra regione,
tuttavia nell'ambito della stessa regione
si può farle uscire da una cittadina ad una cittadina 
e da una grande città ad una grande città.
daf 110b
ma non da una cittadina ad una grande città
da una grande città ad una cittadina.
Si può farle uscire da un posto cattivo
a un posto buono persino da una regione all'altra e contro la sua volontà,
ma non da un posto buono
ad un posto cattivo.
Rabban Shimon ben Gamliel 
dice:
Persino da un posto cattivo
ad un posto buono, no, se lei si oppone,
perchè anche il posto buono
mette alla prova la persona non abituata ai cambiamenti.
Mishna 110a3
. . . . . .
Mishna. Tutti i componenti della famiglia si possono far salire
in Eretz Yisrael anche contro la loro volontà,
ma nessuno della famiglia può farli uscire da Eretz Yisrael contro la loro volontà.
Tutti i componenti della famiglia si possono far salire a Gerusalemme contro la loro volontà,
ma nessuno della famiglia può farli uscire da Gerusalemme contro la loro volontà.
Lo stesso vale per gli uomini 
e lo stesso vale per le donne, 
che entrambi possono costringere gli uni gli altri a salire in Eretz Yisrael e a Gerusalemme.
Sposò una donna in Eretz Yisrael
e la divorziò in Eretz Yisrael
le dà la ketubba
in monete di Eretz Yisrael.
Sposò una donna in Eretz Yisrael
e la divorziò in Cappadocia
le dà la ketubba
in monete di Eretz Yisrael.
Sposò una donna in Cappadocia
e la divorziò in Eretz Yisrael
le dà la ketubba
in monete di Eretz Yisrael,
Rabban Shimon
ben Gamliel
dice:
le dà la ketubba
in monete di Cappadocia.
Sposò una donna in Cappadocia
e la divorziò in Cappadocia
le dà la ketubba
in monete di Cappadocia.
Mishna 110b
Ghemara La Ghemara riporta un passaggio della nostra Mishna e si domanda:
L'espressione TUTTI FAN SALIRE è usata per aggiungere che cosa?
La Ghemara risponde:
Tale espressione è usata per aggiungere gli schiavi ebrei, che seguono i padroni nell''aliya.
La Ghemara chiede:
Per coloro che insegnano nella Mishna "gli schiavi ebrei"
esplicitamente, per aggiungere che cosa è usata tale espressione?
La Ghemara risponde:
È usata per aggiungere da un posto buono in qualche paese a un posto cattivo in Eretz Yisrael.
La Ghemara riporta un passaggio della nostra Mishna e si domanda:
L'espressione E NON TUTTI FAN USCIRE è usata per aggiungere che cosa?
La Ghemara risponde:
È usata per aggiungere uno schiavo cananeo che fuggi dall'estero a Eretz Yisrael, 
nel qual caso gli diciamo al padrone ebreo che venne a riprenderlo: Vendilo qui e vattene, perchè è bene che lui resti per l'insediamento di Eretz Yisrael.
La Ghemara riporta un passaggio della nostra Mishna e si domanda:
L'espressione TUTTI FAN SALIRE A GERUSALEMME è usata per aggiungere che cosa?
La Ghemara risponde:
È usata per aggiungere da un posto buono da qualche parte in Eretz Yisrael a un posto cattivo a Gerusalemme.
La Ghemara riporta un passaggio della nostra Mishna e si domanda:
L'espressione E NON TUTTI FAN USCIRE da Gerusalemme 
è usata per aggiungere che cosa?
La Ghemara risponde:
È usata per aggiungere persino da un posto cattivo a Gerusalemme a un posto buono da qualche parte in Eretz Yisrael, e siccome il Tanna ha usato nella resha
il termine "non fanno uscire"da Eretz Israel a un altro paese
ha usato anche nella sefa
il termine "non fanno uscire" da Gerusalemme.

La Ghemara riporta una Baraita:
Rabbanan insegnarono in una Baraita:
LUI DICE DI SALIRE in Eretz Yisrael,
E LEI DICE
DI NON SALIRE,
LE IMPONIAMO DI SALIRE,
E SE NO, se non vuole salire in Eretz Yisrael per nessun motivo,
DEVE USCIRE dalla casa di lui con il divorzio SENZA KETUBBA.
LEI DICE DI SALIRE,
E LUI DICE
DI NON SALIRE,
GLI IMPONIAMO DI SALIRE,
E SE NO, se non vuole salire in Eretz Yisrael per nessun motivo,
DEVE FARLA USCIRE dalla sua casa con il divorzio 
E DEVE DARLE LA KETUBBA.
LEI DICE DI USCIRE da Eretz Yisrael,
E LUI DICE
DI NON USCIRE,
LE IMPONIAMO
DI NON USCIRE,
E SE NO, se vuole uscire da Eretz Yisrael a tutti i costi,
DEVE USCIRE dalla casa di lui con il divorzio SENZA KETUBBA.
LUI DICE DI USCIRE da Eretz Yisrael,
E LEI DICE
DI NON USCIRE,
GLI IMPONIAMO
DI NON USCIRE,
E SE NO, se vuole uscire da Eretz Yisrael a tutti i costi,
DEVE FARLA USCIRE dalla sua casa con il divorzio 
E DEVE DARLE LA KETUBBA.
 
 

La Ghemara riporta un passaggio della nostra Mishna:
SPOSÒ UNA DONNA ecc.
La Ghemara fa notare:
La cosa è in sè stessa difficile, cioè notiamo una contraddizione all'interno della stessa Mishna,
infatti è insegnato nella Mishna:
SPOSÒ UNA DONNA
IN ERETZ YISRAEL
E LA DIVORZIÒ IN CAPPADOCIA
LE DÀ la ketubba IN MONETE
DI ERETZ YISRAEL,
quindi secondo l'impegno, cioè il luogo in cui contrasse l'impegno della ketubba,
noi andiamo.
Recitiamo ora la sefa:
SPOSÒ UNA DONNA
IN CAPPADOCIA
E LA DIVORZIÒ
IN ERETZ YISRAEL
LE DÀ la ketubba IN MONETE
DI ERETZ YISRAEL,
quindi secondo la riscossione, cioè il luogo in cui la ketubba viene riscossa,
noi andiamo.
Nella stessa Mishna una volta si afferma che la ketubba viene pagata secondo il luogo in cui il marito ne contrasse l'impegno, una volta che viene pagata secondo il luogo in cui viene riscossa.
La Ghemara spiega:
Disse Rabba:
Qui insegnarono due delle facilitazioni della ketubba con cui Rabbanan vennero incontro al marito. Da qui si deduce che il Tanna della Mishna pensava che la ketubba è un istituto derabbanan.
La Ghemara riporta il seguito della nostra Mishna:
RABBAN SHIMON
BEN GAMLIEL
DICE:
LE DÀ la ketubba
IN MONETE DI CAPPADOCIA.
Da qui si deduce che Rabban Gamliel pensava che la ketubba è un istituto deoraita.

La Ghemara riporta una Baraita:
CHI EMETTE UNO SHTARCHOV
A CARICO DEL SUO COMPAGNO,
SE VI È SCRITTO BAVEL
LO RISCUOTE IN MONETE DI BAVEL,
SE VI È SCRITTO
ERETZ YISRAEL
LO RISCUOTE
IN MONETE DI ERETZ YISRAEL
SE NON VI È SCRITTO ALCUNCHÈ DI SPECIFICO, cioè non vi è scritto il luogo in cui fu scritto lo shtar,
SE LO EMETTE A BAVEL
LO RISCUOTE IN MONETE DI BAVEL,
SE LO EMETTE
IN ERETZ YISRAEL
LO RISCUOTE
IN MONETE DI ERETZ YISRAEL,
SE VI È SCRITTO DENARO SENZA SPECIFICARE
COME IL DEBITORE VUOLE
il creditore LO DEVE RISCUOTERE,
CIÒ CHE NON AVVIENE PER LA KETUBBA.
La Ghemara si interroga quanto a quest'ultima affermazione della Baraita:
A quale degli argomenti della Baraita fa riferimento la frase: "ciò che non avviene per la ketubba"?
La Ghemara risponde:
Disse R'Mesharshia:
La frase: "ciò che non avviene per la ketubba" si riferisce alla resha della Baraita, in cui si danno le regole per un normale shtar di debito,
per ribadire la divergenza
dall'opinione di Rabban Shimon ben Gamliel
che disse:
La ketubba è deoraita e segue le regole di un qualsiasi shtar di debito.
La Ghemara riporta un passaggio della Baraita appena citata e chiede:
SE VI È SCRITTO DENARO SENZA SPECIFICARE
COME IL DEBITORE VUOLE
il creditore LO DEVE RISCUOTERE,
e dì: pezzi di argento! che se non si specifica la moneta forse si intende pezzi di metallo?
La Ghemara risponde:
Disse R'Elazar: La Baraita parla di uno shtar in cui è scritto moneta ma non quale.
La Ghemara chiede:
E dì: monetine! Forse questa è l'intenzione di un tale shtar?
La Ghemara risponde:
Disse R'Pappa: Monetine d'argento, non si usano fare.

La Ghemara riporta una Baraita sull'argomento di chiusura del trattato Ketubbot:
CHE UNO SEMPRE ABITI
IN ERETZ YISRAEL
PERSINO IN UNA CITTÀ
LA CUI MAGGIORANZA
È DI IDOLATRI,
MA NON ABITI
ALL'ESTERO
E PERSINO IN UNA CITTÀ
LA CUI MAGGIORANZA 
È DI ISRAEL,
PERCHÈ CHIUNQUE ABITI
IN ERETZ YISRAEL
È SIMILE A CHI
HA DIO,
E CHIUNQUE ABITI
ALL'ESTERO
È SIMILE A CHI
NON HA DIO,
PERCHÈ È DETTO:
(
Levitico, 25,38)
PER DARVI
LA TERRA DI KENA'AN
PER ESSERE PER VOI DIO.

MA CHIUNQUE 
NON ABITA IN ERETZ
NON HA DIO?
PIUTTOSTO VUOL DIRTI:
CHIUNQUE ABITA
ALL'ESTERO
È COME SE PRATICASSE
UN CULTO IDOLATRICO
E COSÌ È DETTO DI DAVID:

(Shmuel A, 26,19)
PERCHÈ OGGI 
SONO STATO CACCIATO
DALL'ADERIRE 
AL POSSEDIMENTO DI DIO
COME PER DIRTI
VENERA ALTRI DEI,
MA FORSE QUALCUNO 
DISSE A DAVID:
VA A VENERARE
ALTRI DEI?
PIUTTOSTO VUOL DIRTI:
CHIUNQUE ABITA
ALL'ESTERO
È COME SE PRATICASSE
UN CULTO IDOLATRICO.

La Ghemara racconta:
R'Zera si teneva alla larga 
da R'Yehuda,
perchè voleva salire
in Eretz Yisrael,
perchè R'Yehuda disse:
Chiunque sale da Bavel
a Eretz Yisrael
viola un 'ase,
perchè è detto:

Ghemara 110b

 
Daf successivo Daf precedente Torna a Daf Yomi
È permesso copiare e divulgare la presente pagina a condizione che a capo e a piè pagina sia riportata la scritta da "Chavruta" di Rav Mordechai Goldstein