Make your own free website on Tripod.com
 
La Ghemara cita una Baraita:
Insegnarono Rabbanan: UNO SCHIAVO CHE PORTÒ IL PROPRIO GHET, E VI È SCRITTO: TU E I MIEI BENI SONO ACQUISTATI DA TE, SÉ STESSO ACQUISTA, MA I BENI NON ACQUISTA. A proposito di tale Baraita, gli studiosi della Yeshiva, gli sottoposero il quesito: Se nel ghet, il documento in cui lo schiavo si libera, è scritto: Tutti i miei beni son da te acquistati, quale è il din di quello schiavo?
La Ghemara riporta una machloket al riguardo:
Disse Abbaye: Assieme ad acquistare sé stesso ha acquisito anche i beni.
Gli disse Rava: Siamo d'accordo che sé stesso acquista, similmente a quanto avviene con il ghet di una donna, tuttavia i beni non acquista, come avverrebbe per la convalida di un generico documento di acquisto che non è valido finché le firme non vengono regolarmente convalidate da testimoni, e non basta che l'interessato dica: Dinnanzi a me fu scritto e dinnanzi a me fu firmato.
Tornò sui suoi passi Abbaye e disse: Assieme a che non acquistò i beni, non acquistò nemmeno sé stesso.
Gli disse Rava: Siamo d'accordo che i beni non acquista, come avverrebbe per la convalida di un generico documento di acquisto che non è valido finché le firme non vengono regolarmente convalidate da testimoni, e non basta che l'interessato dica: Dinnanzi a me fu scritto e dinnanzi a me fu firmato, tuttavia sé stesso acquista, similmente a quanto avviene con il ghet di una donna, in cui basta che l'interessata dica: Dinnanzi a me fu scritto e dinnanzi a me fu firmato. Tuttavia disse Rava: Lo stesso avviene per questo lo shtar in cui è scritto: Tu e i miei beni sono da te acquistati, e lo stesso avviene per questo lo shtar in cui è scritto: Tutti i miei beni sono da te acquistati, e lo schiavo lo portò e disse: Dinnanzi a me fu scritto e dinnanzi a me fu firmato, sé stesso acquista ma i beni non acquista.
La Ghemara si informa:
Gli disse R'Ada bar Matna a Rava: Come chi? Secondo la shita di chi tu dici queste cose? A quanto pare secondo la shitadi R'Shimon, che disse che si possono separare le affermazioni contenute in un documento e considerarle separatamente come documenti separati, come insegna la Mishna: (Pea 3, 8) CHI SCRIVE CHE TUTTI I SUOI BENI VADANO AL SUO SERVO COSTUI USCÌ LIBERO, SE LASCIÒ UN QUALSIASI TERRENO NON USCÌ LIBERO, R'SHIMON DICE: