Make your own free website on Tripod.com
 

 
23a CHOMER BAKODESH CAPITOLO TERZO CHAGHIGA

 
 
 
È permesso copiare e divulgare la presente pagina a condizione che a capo pagina sia riportata la scritta da "Chavruta" di Rav Mordechai Goldstein

 
 
Daf successivo Daf precedente Torna a Daf Yomi
[da Daf 22b:La Ghemara riporta ora il terzo caso della Mishna:
UNO CHE PORTA UN MIDRAS PUÒ contemporaneamente PORTARE LA TERUMA, MA NON IL KODESH.
La Ghemara spiega:
Quale è la ragione che egli non può portare il kodesh? È a causa di un incidente che accadde. Perchè disse Rav Yehuda in nome di Shmuel: Accadde che uno che stava trasportando una botte di vino consacrato da un posto all'altro, -- fino a qui da Daf 22b] e la cinghia del suo sandalo si spezzò ed egli la prese e la appoggiò sulla botte ma essa cadde nello spazio della botte la quale con ciò divenne tame. Allora dichiararono: Uno che porta un midras può contemporaneamente portare la teruma, ma non il kodesh.
La Ghemara chiede:
Se così è, che si decretò una restrizione a causa di un incidente, la stessa restrizione si applichi anche alla teruma! Tali incidenti non possono capitare anche alla teruma?
La Ghemara risponde:
Chi è il Tanna di questa Mishna, che delimita il vigore di un decreto causato da un incidente alle stesse circostanze dell'icidente che ne fu il movente? È una Mishna di R'Chananya ben Akavya, che disse in relazione ad una simile situazione in cui Rabbanan emisero un decreto in base ad un incidente accaduto: [RABBANAN] NON PROIBIRONO il trasporto con mezzi non terrestri delle acque di chatat o delle ceneri di chatat SE NON SUL GIORDANO E IN UNA BARCA, CHE SONO LE STESSE CONDIZIONI IN CUI L'INCIDENTEche motivò il decreto AVVENNE. Similmente, nella nostra Mishna, il decreto di portare un midras assieme a oggetti tahor, che fu motivato dall'incidente su riportato, è limitato alle stesse circostanze dell'incidente che lo motivò - cioè kodesh e non teruma.
La Ghemara scende nei particolari:
Quale era questo caso che motivò l'affermazione di R'Chananya ben Akavya? Perchè fu insegnato in una Baraita: CHE UNA PERSONA NON PORTI ACQUE DI CHATAT O CENERI DI CHATAT E LE TRASPORTI OLTRE IL YARDEN E IN UNA BARCA, NÈ STIA DA UN LATOdel fiume E LE GETTI SULL'ALTRO LATO, NÈ LE FACCIA GALLEGGIARE SULL'ACQUA, NÈ CAVALCHI SU UN ANIMALE NÈvada a cavalcioni SU UN SUO COMPAGNO, A MENO CHE I SUOI PIEDI NON TOCCHINO IL TERRENO. INVECE LE PORTI ATTRAVERSO IL PONTE E NON TEMAdi contravvenire ad alcun decreto. Questa regola si applica SIA che il trasporto avvenga attraverso IL YARDEN O UNO DEGLI ALTRI FIUMI. R'CHANANYA BEN AKAVYA, DICE: [RABBANAN] NON PROIBIRONOil trasporto con mezzi non terrestri delle acque di chatat o delle ceneri di chatat SE NON SUL GIORDANO E IN UNA BARCA, CHE SONO LE STESSE CONDIZIONI IN CUI L'INCIDENTE che motivò il decreto AVVENNE. QUALE eraL'INCIDENTECHE AVVENNE? PERCHÈ DISSE RAV YEHUDA IN NOME DI RAV: CI FU UN INCIDENTE CON UNA CERTA PERSONA CHE STAVA PORTANDO ACQUE DI CHATAT E CENERI DI CHATAT OLTRE IL YARDEN E IN UNA BARCA, E VENNE TROVATA LA QUANTITÀ DI UN'OLIVA DI CADAVERE CONFICCATA NEL FONDO DELLA BARCA. ALLORA RABBANAN DICHIARARONO: CHE UNA PERSONA NON PORTI ACQUE DI CHATAT O CENERIDI CHATAT E LE TRASPORTI OLTRE IL YARDEN E IN UNA BARCA.
La Ghemara riporta un quesito circa l'ordinamento della nostra Mishna:
Essi posero il seguente quesito: La Mishna certamente proibisce di portare il kodesh con un sandalo tame. Ma quale è [la legge] quanto al portare il kodesh con un sandalo tahor Anche questo è compreso nel decreto o no?
La Ghemara riporta un secondo quesito:
La Mishna certamente proibisce di portare con un midras una botte aperta di kodesh. Ma quale è [la legge] quanto al portare con un midras una botte chiusa di  kodesh? Anche questo è compreso nel decreto o no?
La Ghemara riporta un terzo quesito:
Quale è [la legge] quando uno trasgredì e portò con un midras una botte di kodesh? La bottedi kodesh diventa automaticamente tame o no?
La Ghemara riporta delle risposte a quest'ultimo quesito:
R'Ila disse: Se  uno trasgredì e portò con un midras una botte di kodesh, la bottedi kodesh diventa automaticamente tame. R'Zera, tuttavia, disse: Se  uno trasgredì e portò con un midras una botte di kodesh, il kodesh resta tahor.

La Ghemara riporta ora il sesto caso della Mishna:
RECIPIENTI CHE FURONO COMPLETATI IN stato di TAHARA ecc. [necessitano immersione per il kodesh].
La Ghemara si pone un quesito:
Chi fu che, secondo la Mishna, li completò? Se tu dici che, secondo la Mishna, li completò un chaver, perchè dovrebbero essere immersi? Sicuramente il chaver ha custodito sulla loro tahara dopo che furono completati! Vorresti dire, invece, che, secondo la Mishna, fu uno 'am haarez a completarli? E [il Tanna] li chiama recipienti che furono "completati in stato di tahara"? Certamente no! Chi fu che, secondo la Mishna, li completò?
Disse Rabba bar Shila in nome di Rav Matna, che lo disse in nome di Shmuel: Veramente, la Mishna fa riferimento a un caso in cuili completò un chaver. Ed è in considerazione de la possibilità che essi abbiano contratto tuma da lo sputo di uno 'am haarez che la Mishna richiede che vengano immersi per il kodesh.
La Ghemara analizza l'interpretazione di Shmuel:
Quand'è che cadde lo sputo a cui accenna Shmuel? Se tu dici che lo sputo può essere caduto sul recipiente prima che [il chaver] lo completasse, perchè la Mishna richiede che vengano immersi per il kodesh? Ma non è ancora un recipiente per poter contrarre la tuma! Vuoi dire, invece, che lo sputo può essere caduto sul recipiente dopo che [il chaver] lo completò? Ma anche questo non può essere ciò che Shmuel intendeva, perchè dopo che il chaver completò i recipienti, egli certamente fa attenzione con loro e li preserva dalle sorgenti di tuma! Quale è dunque la situazione a cui Shmuel fa riferimento?
La Ghemara risponde:
Veramente, Shmuel intende che lo sputo sia caduto sul recipiente prima che [il chaver] lo completasse. E tuttavia il recipiente potrebbe aver contratto tuma perchè forse al momento che [il chaver] lo completò, [lo sputo] era ancora umido.

La Ghemara tra una conclusione dalle parole della Mishna quando dice che recipienti che furono completati in stato di tahara, necessitano immersione per il kodesh:
Essi richiedono immersione - sì, ma che passi il tramonto - no, questo non è richiesto. Essi divengono tahor per il kodesh subito dopo l'immersione anche prima del tramonto. La Mishna, quindi, non è secondo R'Eliezer, il quale (come la Ghemara cercherà di dimostrare) sostiene che il passaggio del tramonto è necessario per completare il processo di tahara del recipiente. Perchè imparammo in una Mishna: Nel caso di UNA CANNA CHE UNO TAGLIÒ PER mettervi la cenere di CHATAT, R'ELIEZER DICE: EGLIla IMMERGE IMMEDIATAMENTE.Ma R'YEHOSHUADICE: EGLIprima la RENDE TAME E POI la IMMERGE.

. . . . . . 
23b
. . . . . . 
Daf successivo Daf precedente Torna a Daf Yomi