Make your own free website on Tripod.com
 
La Ghemara risponde:
Disse R'Assi: [daf 13a] La Mishna che permette di scrivere un documento di debito anche in assenza del malve parla di documenti di acquisizione cioé un documento di prestito in cui il love cede immediatamente i propri diritti sui suoi beni immobili al malveper un dato importo anche nel caso in cui il prestito non abbia luogo. In questo caso il timore che il documento sia stato compilato in Nissan e il denaro del prestito venga corrisposto in Tishri non sussiste, infatti il love si è obbligato a pagare quella somma a prescindere dal fatto che il prestito avvenga o no.
La Ghemara mette in discussione la soluzione di R'Assi:
Se così è, sorge una difficoltà con la nostra Mishna che insegna SE ESSI ATTESTANO DIRITTI SU BENI IMMOBILI - EGLI NON DEVE RESTITUIRLI, ed ipotizzammo che il debitore ammette che il debito è dovuto, e il motivo per cui il documento non deve essere restituito al creditore è perché temiamo che forse  il debitore scrisse il documento per prendere a prestito nel mese di Nissan, ma poi non prese i soldi del prestito fino al mese di Tishri sei mei dopo, e il creditore in base a tale documento può ingiustamente portar via ai compratori i terreni acquistati dal suo debitore prima di Tishri e non assoggettati al prestito. Ora ci domandiamo perché colui che l'ha trovato non dovrebbe restituire il documento al creditore? Vediamo: Se si tratta di un documento di acquisizione - allora il lovesi è impegnato a pagare la somma attestata dal documento in ogni caso a prescindere dall'epoca del prestito, e potrebbe anche restituirlo al creditore. Se non si tratta di un documento di acquisizione ma di un normale documento di debito - non c'è nulla da temere che la data del documento preceda quella dell'effettivo prestito perché tu R'Assi dicesti che quando non è presente il malve non scriviamo un normale documento di debito. Di cosa sta parlando la nostra Mishna?
La Ghemara risponde:
Ti direbbe R'Assi: Anche se documenti che non sono di acquisizione non si scrivono quando non è presente il malve, tuttavia nel caso della nostra Mishna, siccome il documento andò perso e fu ritrovato è ora contestato, e temiamo che forse capitò che li scrissero prima della data dell'effettivo prestito anche se ciò non si doveva fare.
 

La Ghemara propone un'altra spiegazione di come scrivere un documento di debito senza che il malve sia presente:
Abbaye disse: I testimoni nel firmarlo il documento di debito gli fanno acquisire al malve diritti sui beni del love, e ciò persino se non è un documento di acquisizione. Abbaye propose questa soluzione perché gli era difficile rispondere alla seguente domanda: Siccome dicesti - documenti che non sono di acquisizione quando non è presente il malve non si debbono scrivere - non si deve temere che capitò che essi agirono in modo improprio e li scrissero con una data precedente al momento del prestito.
La Ghemara obietta:
Ma se è come tu dici che i testimoni fanno acquisire i diritti come la metti con quello che insegnò la Mishna: (Baba Metzy'a 18a) TROVÒ GHET DI DONNE, DOCUMENTI DI LIBERAZIONE DI SCHIAVI, ULTIME VOLONTÀ, DONAZIONI O QUIETANZE - NON LI RESTITUISCA, CHE NON ACCADA CHE FOSSERO STATI SCRITTI DA QUALCUNO E QUESTI SE NE PENTÌ E DECISE DI NON CONSEGNARLI. Se quello se ne pentì cosa cambia? Non dicesti che sono i testimoni con le loro firme a fargli acquisire i diritti scritti sul documento anche se esso non fu mai consegnato? Tanto vale consegnarlo!
La Ghemara spiega:
Queste parole di Abbaye che sono i testimoni con le loro firme a fargli acquisire i diritti scritti sul documento valgono quando tali documenti siano giunti loro in mano, ma quando non giunsero loro in mano - non diciamo tale principio e quindi è legittimo il sospetto della Mishna citata e la prescrizione di non consegnare documenti che potrebbero non esser mai stati consegnati e su cui l'autore si è già ricreduto.
La Ghemara verifica la comprensione della nostra Mishna da parte di Abbaye:
Ma Abbaye troverà difficile la nostra Mishna che insegna: TROVÒ I DOCUMENTI DI UN DEBITO, SE ESSI ATTESTANO DIRITTI SU BENI IMMOBILI - EGLI NON DEVE RESTITUIRLI. E ipotizzammo che la Mishna si occupi del caso di un debito che il debitore ammette, e qui nel caso di un documento che attesta diritti sui beni immobili il motivo per non restituire il documento al creditore è che temiamo che forse il debitore scrisse il documento per prendere a prestito nel mese di Nissan, ma poi non prese i soldi del prestito fino al mese di Tishri. Si può capire la nostra Mishna che vieta al rinvenitore di restituire il documento trovato al creditore secondo R'Assi, il quale disse che la Mishna di Baba Batra citata alla fine di daf12b che permette di scrivere un documento di prestito anche se il prestatore non è presente, si riferisce esclusivamente a documenti di acquisizione - ipotizzando che essa la nostra Mishna non si occupi di documenti di acquisizione ma di normali documenti di prestito dove l'impegno sui beni del love entra in vigore solo a partire dalla data del prestito vero e proprio, e come abbiamo spiegato sopra. Ma quanto ad Abbaye, che disse:  I testimoni nel firmarlo il documento di prestito gli fanno acquisire al malvediritti sui beni del love, e ciò persino se non è un documento di acquisizione, cosa possiamo dire? Secondo questo modo di vedere, la preoccupazione che il documento sia stato scritto in Nissan e il prestito sia stato effettuato in Tishri non sussiste, perché anche se le cose fossero andate così, in tutti i casi i diritti sui beni immobili del love avrebbero inizio da Nissan, data in cui i testimoni firmarono il documento di prestito. E quindi torna la domanda: Perché il rinvenitore non dovrebbe restituire il documento?
La Ghemara esce in difesa di Abbaye:
Potrebbe dirti Abbaye: Il motivo della nostra Mishna per cui non si deve restituire il documento al malve nonostante l'ammissione del love è che si teme la possibilità che il pagamento sia in effetti già avvenuto e vi sia la collusione tra love e malve ai danni di chi acquistò terreni dal love
La Ghemara prende in considerazione il punto di vista di Shmuel:
E secondo Shmuel, che disse: Non si teme la possibilità che il pagamento sia in effetti già avvenuto e vi sia la collusione, cosa possiamo dire? Si può capire la nostra Mishna che vieta al rinvenitore di restituire il documento trovato al creditore se Shmuel condivide l'opinione di R'Assi, il quale disse che la Mishna di Baba Batra citata alla fine di daf12b che permette di scrivere un documento di prestito anche se il prestatore non è presente, si riferisce esclusivamente a documenti di acquisizione - ipotizzando che essa la nostra Mishna secondo Shmuel non si occupi di documenti di acquisizione ma di normali documenti di prestito. Ma se Shmuel pensa come Abbaye, che disse:  I testimoni nel firmarlo il documento di prestito gli fanno acquisire al malve diritti sui beni del love, e ciò persino se non è un documento di acquisizione, cosa possiamo dire?
La Ghemara presenta la maniera in cui Shmuel può interpretare la nostra Mishna anche condividendo l'opinione di Abbaye:
Shmuel ipotizza che la nostra Mishna si occupi di un caso in cui il debitore non ammette di essere ancora in debito e per questo chi rinviene il documento, ed esso attesta diritti sui beni immobili del debitore, non deve restituirlo al creditore.
La Ghemara obietta:
Se così è, quando non vi fossero diritti sui beni immobili del love perché il rinvenitore dovrebbe poter restituire il documento al creditore? Ammesso che non possa riscuotere dai beni impegnati, che non sono più in possesso del love e possono esser tolti ai compratori solo in base ad un documento che attesti i diritti del malve, da quelli liberi può certo riscuotere! 
La Ghemara risponde:
Shmuel è qui coerente con il suo punto di vista, perché Shmuel disse - R'Meyr diceva: Un documento di debito su cui non sono attestati diritti sui beni immobili del love non riscuote né dai beni impegnati né da quelli liberi. 
La Ghemara mette in dubbio questa interpretazione:
Ma dal momento che con questo documento non riscuote perché lo restituisce quando a quanto pare non serve a nulla?
La Ghemara risponde:
Disse R'Natan bar Oshaya: Il documento serve a tappare l'imboccatura della fiasca del malve.
La Ghemara obietta:
E restituiamola invece al love per tappare l'imboccatura della fiasca del love!
La Ghemara risponde:
Ma è il love [daf 13b] che dice: Non è mai successo niente, e quindi non ha senso che avanzi diritti su quel pezzo di carta.
 

La Ghemara ha finito di discutere la shita di R'Meyr. Viene ora analizzata la base della machloket tra Rabbanan e R'Meyr:
Disse R'Elazar: La machloket riguarda il caso in cui il debitore non ammette che il debito non è stato ancora pagato, ciò nonostante R'Meyr sostiene che il documento può venir restituito al creditore quando non attesti diritti del creditore sui beni immobili del debitore e ciò perché R'Meyr sostiene: Un documento che non attesti diritti sui beni immobili - non riscuote né dai beni impegnati né da quelli liberi. Rabbanan invece sostengono: Un documento che non attesti diritti sui beni immobili - può riscuotere, e quindi il debitore che nega il debito verrà danneggiato se il documento perso verrà restituito al creditore.
La Ghemara continua a ragionare sulle conseguenze di tale interpretazione:
Tuttavia quando il debitore ammette che il debito non è stato ancora pagato, tutti concordano che il rinvenitore del documento lo deve restituire al creditore, perché non temiamo che vi sia stato pagamento e collusione. 
La Ghemara fornisce un'altra spiegazione della machloket tra Rabbanan e R'Meyr:
E R'Yochannan disse: La machloket riguarda il caso in cui il debitore ammette che il debito non è stato ancora pagato, perciò R'Meyr sostiene che il documento può venir restituito al creditore quando non attesti diritti del creditore sui beni immobili del debitore e ciò perché R'Meyr sostiene: Un documento che non attesti diritti sui beni immobili - è dai beni impegnati cioé già venduti dal debitore che esso non riscuote ma dai beni liberi ancora in possesso del debitore esso può riscuotere. Ma Rabbanan sostengono: Può riscuotere anche dai beni impegnati.
La Ghemara continua a ragionare sulle conseguenze di tale interpretazione:
Tuttavia quando il debitore non ammette che il debito non è stato ancora pagato, tutti concordano che il rinvenitore del documento non lo deve restituire al creditore, perché temiamo che vi sia già stato il pagamento. 
 

La Ghemara cita una Baraita a sostegno dell'interpretazione di R'Yochanan:
Vi è una Baraita a sostegno di R'Yochanan, che porta alla confutazione di R'Elazar in un punto, e alla confutazione di Shmuel in due punti: TROVÒ I DOCUMENTI DI UN DEBITO ED ESSI ATTESTANO DIRITTI SU BENI IMMOBILI, NONOSTANTE CHE ENTRAMBI AMMETTONO - NON RESTITUISCA NÉ ALL'UNO NÉ ALL'ALTRO. SE ESSI NON ATTESTANO DIRITTI SU BENI IMMOBILI, QUANDO IL LOVE AMMETTE - RESTITUISCA, QUANDO IL LOVE NON AMMETTE - NON RESTITUISCA NÉ ALL'UNO NÉ ALL'ALTRO, PAROLE DI R'MEYR. PERCHÉ R'MEYR DICE: DOCUMENTI CHE ATTESTANO DIRITTI SU BENI IMMOBILI - RISCUOTE DA BENI IMMOBILI IMPEGNATI, MA SE NON ATTESTANO DIRITTI SU BENI IMMOBILI - RISCUOTE DA BENI IMMOBILI LIBERI. E I CHACHAMIM DICONO: SIA QUESTO CHE QUELLO RISCUOTE DA BENI IMMOBILI IMPEGNATI.
La Ghemara espone la confutazione di R'Elazar:
Confutazione di R'Elazar in un punto perché disse: Secondo R'Meyr un documento che non attesta diritti sui beni immobili non riscuote né da beni immobili impegnati né da beni immobili liberi, e dissero sia R'Meyr che Rabbanan che non temiamo una collusione, mentre la Baraita insegna: Un documento che non attesta diritti sui beni immobili - è dai beni immobili impegnati che non riscuote - dai beni immobili liberi - certo che riscuote. Ed insegnano sia  R'Meyr che Rabbanan che temiamo una collusione, infatti si insegna nella Baraita: NONOSTANTE CHE ENTRAMBI AMMETTONO - NON RESTITUISCA NÉ ALL'UNO NÉ ALL'ALTRO. Da cui vediamo che temiamo una collusione.
La Ghemara obietta:
Ma questi punti che contraddicono R'Elazar sono due! E non uno come disse la Ghemara.